Ustica partenza in contemporanea – cattiva programmazione con sperpero di denaro pubblico


Aforismi, Citazioni, Proverbi… del giorno


scelte, sbagliate

Presta denaro al tuo nemico e te lo farai amico; prestalo al tuo amico e lo perderai.
(Benjamin Franklin)

Aforismi, Citazioni, Proverbi… del giorno


???????

Quando ero giovane ero solito pensare che il denaro fosse la cosa più importante della vita. Ora che sono vecchio lo so.

Oscar Wilde

Evitare questo sperpero di denaro pubblico


[ id=16740 w=320 h=240 float=left] Caro Giovanni,

convengo con te, é una vergogna! Ingenuamente ero convinto che almeno quest’anno saremmo riusciti ad evitare questo spreco, anche e soprattutto grazie all’attenzione e l’indignazione che avevano suscitato i post di Pietro Bertucci……ma evidentemente la mia era solo un’illusione.

Circa la risoluzione del problema, ritengo giusta la strada del confronto che hai saggiamente suggerito, tuttavia per evitare di perdere ancora del tempo, vi consiglio di desistere nel cercare una soluzione di orari alternativi direttamente con la Compagnia di navigazione (chiaramente parlo per la Ustica Lines).

Noi (compagnia) siamo tenuti a rispettare gli orari imposti dal bando e non possiamo nel modo più assoluto modificarli o proporne dei nuovi. L’iter burocratico é il seguente:

1) L’amministrazione locale rappresenta un’esigenza alla Regione e richiede una variazione degli orari.

2) La Regione valuta la richiesta e se é favorevole, contatta la Compagnia di navigazione per verificarne l’eventuale disponibilità.

3) La società valuta la richiesta e se concede il nullaosta, allora e solo allora si potrà variare l’orario.

Ciò posto, sono certo capirai che non possiamo andare al punto (3) senza passare inevitabilmente dai punti (2) e (1).

Chiaramente questa procedura interessa solamente noi, perché vincolati al regolamento del bando….La concorrenza non so come opera, ma ritengo abbia maggiore “potere” discrezionale in materia.

A presto

Com.te Giuseppe Bertolini

 

Corsa delle 14,30

 


[ id=12158 w=320 h=240 float=left] Anche oggi abbiamo assistito alla mortificante gara delle 14,30 con partenza regolare. Speriamo che, quanto prima, qualcuno si accorgerà dello sperpero di denaro pubblico… – Bisogna chiedere l’intervento di Striscia?

^^^^^^^^^

COMMENTO:

Da Bergamo Salvatore Russo

Ciao a tutti i miei cari anche se lontani compaesani, leggendo il blog e vedendo le foto dello zio Pietro resto con la bocca aperta, non bastavano i problemi gia’ esistenti vedi pescatori (con cui voglio complimentarmi per quello che stanno facendo che siano da esempio per tutti), catenarie, messa in sicurezza del porto e tutto lo sfacelo che c’e’ in giro…… Per completare l’opera bisogna bruciare soldi in un modo a dir poco indegno soldi che possono essere utilizzati in tutt’altro modo…..
Vi prego chiamate striscia le iene o chi che sia per porre fine a tutto questo……
Sono lontano ma col cuore sono ad Ustica tutti i giorni e soffro come e insieme a voi per tutti i sopprusi che dovete subire che dobbiamo subire…..
Forza Ustica Forza Usticesi siete sempre nel mio cuore e nei miei pensieri……
Un abbraccio affettuoso a tutti……

Salvatore Russo

^^^^^^^^^^^^^

Dalla California Agostino Caserta

Striscia la notizia potrebbe andare bene. Ma intanto bisogna scrivere il reclamo su carta ( le foto,i commenti e le chiacchiere non bastano ) mandarlo al Comune e p.c. a tutte le autorita’ responsabili e interessate, mi pare di averlo gia’ detto. Il tempo stringe….Vabbe’ si capisce che anche la Regione potra’ essere Commissariata e al momento non funziona niente, ma quello e’ problema piu’ loro che nostro, intanto il reclamo scritto ( e non le telefonate ) e’ alla base di tutto.

I soldi risparmiati si potrebbero usare per essere sicuri la tratta Napoli-Ustica-Favignana non venga abolita. La partita e’ dura perche’ i cani hanno l’osso in bocca e non vogliono mollarlo. Ci vuole molta forza politica, anche se si e’ gia’ nel caos a livello Regionale. Solo una presa di posizione del Comune molto forte potra’ riuscire a smuovere le acque. Se questo tentativo fallisce, c’e’ sempre “striscia la notizia” e dopo c’e’ tutto cio’ che tutti gli usticesi pensano e pensano…ma non fanno.

^^^^^^^^^^

Da Ustica Luigi Palmisano

Con tutte le ragioni di questo mondo che avete, ma intendete continuare con queste foto e con questi commenti fino al prossimo cambio di orario degli aliscafi?

^^^^^^^^^^

Da Ustica Angela D’Angela

Direi della Petix, di Striscia la notizia.

E’ stata ad Ustica per un matrimonio, quindi la conoscono personalmente.

^^^^^^^^^^^^

Da Ustica Antonella Giardino

Forse dovremmo chiedere veramente l’ intervento di striscia ,visto che nessun organo competente è in grado di risolvere questa situazione ,e a dire che non è novità di quest’anno quindi credo che avrebbero potuto pensarci nell’ arco di dodici mesi a rimodulare gli orari . Comunque è veramente un’indecenza

Corsa delle 14,30 = Sperpero denaro pubblico


[ id=12152 w=320 h=240 float=left]  Mi era stato richiesto di “invalidare” le gare dei giorni precedenti in quanto l’aliscafo Masaccio era avvantaggiato perché partiva prima. Oggi però l’aliscafo Masaccio, pur togliendo prima le “cime”, ha aspettato fuori la cala, l’asciando partire il catamarano ALE M, e si è messo sulla sua scia.

Abbiamo sentito spesso parlare di riduzione delle spese inutili e di tagli ai collegamenti marittimi, da parte della Regione Sicilia, ed in particolare, per quanto concerne Ustica, la soppressione della linea Napoli –Ustica – Favignana, che penalizzerebbe enormemente la già fragile economia dell’Isola.

Gli sprechi vanno corretti all’atto della programmazione degli orari dei collegamenti allo scopo di fornire un servizio efficiente ai cittadini, spalmato nell’arco della giornata. La foto mostra un classico esempio di sperpero di denaro pubblico causato da una errata programmazione.

PB

Gara aliscafo – catamarano = Sperpero denaro pubblico


[ id=12148 w=320 h=240 float=left] Anche oggi al via  l’aliscafo Masaccio della Siremar e il Catamarano ALE M della Ustica Lines.

In questi giorni abbiamo sentito parlare di tagli ai collegamenti marittimi, da parte della Regione Sicilia, ed in particolare, per quanto concerne Ustica, è preoccupante sentir parlare della soppressione della linea Napoli –Ustica – Favignana, che penalizzerebbe enormemente la già fragile economia dell’Isola.

Gli sprechi vanno corretti all’atto della programmazione degli orari dei collegamenti allo scopo di fornire un servizio efficiente ai cittadini, spalmato nell’arco della giornata. La foto mostra un classico esempio di sperpero di denaro pubblico causato da una errata programmazione.

^^^^^^^^^^^

Da Palermo Gaetano Nava

Vorrei ricordare a TUTTI i Visitatori del “sito”,che essendo stato uno sportivo praticante, faccio rispettosamente notare, che i “2” catamari si stanno “ALLENANDO” per le future ……………Olimpiadi di Londra, per chi arriva prima sul “TAMIGI”, pardon al porto …… di Palermo.

Qual’è la morale? Nessun premio per il …..vincitore,sapete perchè? non ci sarà nessuna vittoria,ma una SCONFITTA per tutti noi contribuenti, sperpero di danaro, ma si può? Con i tempi che corrono?

Cari saluti

^^^^^^^^^^

Da Cosenza Salvio Foglia

c’è puzza di corte dei conti…

 

Collegamenti marittimi: – Sperpero di denaro pubblico…


Da oltre un mese assistiamo allo sperpero di denaro pubblico ed a parte parlarne non è stato fatto nulla….l’amministrazione comunale ha chiesto alla SIREMAR il motivo di questa assurda programmazione e la possibilità di rimodulare gli orari e sapete cosa hanno risposto? ….e perché dobbiamo cambiarli noi gli orari? Verrebbe da rispondere….ma sbaglio o la Ustica Lines è sempre partita alle 14.30 e siete voi che siete andati a sovrapporvi al loro orario. – comunque la cosa che fa più male è che la popolazione non scende in piazza a protestare così come fanno nelle altre isole e deglutiscono Bocconi amari senza muover ciglio. Risultato finale…. Quest’anno linee estive ritardate a giugno e anticipate a settembre, come se non fosse già abbastanza linea con Napoli soppressa!!!…..ma se va bene a Voi?!?!?!

Caro Sig. Caserta, il problema di fondo rimane……vogliamo fare qualcosa o ogni giorno dobbiamo aspettare semplicemente che il Sig. Bertucci ci posti l’immagine della nostra splendida cala impreziosita con le scie delle belle evoluzioni dei mezzi in partenza? Questi mezzi dovrebbero servire la comunità e invece bruciano migliaia di litri di carburante a carico dei contribuenti. Mi piacerebbe che qualcuno mi spiegasse a cosa serve la doppia corsa nel mese di Aprile? Dove sono tutti questi turisti che rimangono in banchina perché i mezzi sono al completo? Indignamoci e facciamo qualcosa di concreto……ad esempio boicottiamo una delle 2 compagnie prediligendo l’altra…..alla fine del mese, quando tireranno le somme, forse capiranno che ci siamo stancati di farci prendere in giro e che non siamo disposti a pagare i danni di una guerra tra poveri che non ci appartiene e non ci riguarda.

Zagor

^^^^^^^^^^

Dalla California Agostino Caserta

Egr. Sig. Zagor ( e’ meglio firmarsi per avere piu’ credibilita’ ) mi sono limitato a fare la battuta scherzosa che sapevo avrebbe funzionato infatti ha scatenato molti commenti, ma tuttavia dopo tutti questi commenti siamo ancora a livello di chiacchiere perche’ in realta’ l’unica maniera per farsi ascoltare dal Comune e’ di spedire un reclamo, protocollato ecc…possibilmente non spedito da un singolo cittadino ma da un Ente legalizzato o una Organizzazione ( tipo Pro Loco ), spedito al Comune e p.c. a tutte le autorita’ interessate e responsbili ( Ministero, Societa’ Marittime ecc..) se non esiste ad Ustica una Pro Loco il reclamo possono firmarlo un folto gruppo di cittadini. Non e’ mai troppo tardi….

^^^^^^^^^^

Da Palermo Marco Daricello

E’ da anni che suggerisco di “evitare” l’immobilismo… L’idea di Zagor mi pare la più logica. Aggiungo che il catamarano della usticalines perde pochissime corse per via delle condizioni meteo, i mezzi della siremar non partono appena si sente dire che potrebbe esserci un po’ di mare… Quale boicottereste?

 

Sperpero di denaro pubblico…


[ id=11742 w=320 h=240 float=left] Ieri ha vinto lo Zenit – oggi chi vincerà?

Prima o poi, se non faremo niente, arriveranno i bookmakers e accetteranno scommesse su quale catamarano arriva prima a Palermo.
Noi, comunque,  ogni giorno posteremo la “foto della cala alle ore 14,30” per mostrare lo sperpero di denaro pubblico, sino a quando non verremo informati che la programmazione degli orari dei collegamenti sarà fatta in funzione di un servizio da dare ai cittadini e non in funzione della “concorrenza” tra le compagnie.

PB

^^^^^^^^^

COMMENTO

Dalla Germania Domenico Giuffria 

Ma fatemi capire è un fotomontaggio ? o state preparando,….. come evacuare, velocemente i CONIGLI. Ma nessuno dei ( politici USTICESI ) vede? mi sembra TROPPO. buona PASQUA. mimì Giuffria

 

Ustica collegamenti marittimi: emblema sperpero denaro pubblico


[ id=11730 w=320 h=240 float=left]Giorni scorsi si è letto un articolo relativo a “ la Regione scopre buco.. tagli ai collegamenti”.
E’ davvero inverosimile come ad Ustica, una piccola isola, si è assistito per anni ad uno sperpero di denaro pubblico ( alias = soldi dei Contribuenti) salvo poi scoprire i buchi!
Collegamenti ,talvolta, inutili che nel periodo invernale sono stati effettuati con 2 navi e 2 mezzi veloci (Servizi statali e regionali) quando sarebbe bastato rimodulare i servizi esistenti ( dovuti per Legge, alle Isole Minori) con quelli implementati tenendo sempre in mente la vera necessità della Comunità.
E’ stato semplice pensare “ tanto me lo danno e me lo prendo”, anche se poi non mi serve.
Ma questo modo di ragionare non è da “corretto “ Amministratore Pubblico: ad esempio nel periodo invernale sarebbe bastato ( per la nostra realtà) diminuire i viaggi della nave (servizio statale) a 4 viaggi settimanali e fare gli altri 3 ( sempre statali, con la stessa nave) come se fossero regionali ( cioè adibiti principalmente al trasporto delle merci pericolose o speciali) e fare le doppie corse di aliscafo quando non è previsto il servizio nave (adibita al trasporto merci).
Si sarebbero risparmiati per ben 8 mesi i soldi dei Contribuenti per il servizio “nave regionale” e magari con tale risparmio si sarebbe potuto implementare il servizio quando l’Isola ne ha davvero la necessità (periodo estivo) magari con un collegamento, oltre che su Napoli, anche per le Eolie.
Invece no; tutto viene mantenuto inalterato da anni senza guardare e senza porre attenzione al periodo che si vive, alle esigenze e le richieste del mercato che di anno in anno cambiano. Ma a chi è demandata la conoscenza di questi problemi e delle necessità territoriali e turistiche ?
Certamente non solo alla Regione ma in primo luogo al Comune che conosce la realtà e le esigenze della popolazione.
Tra alcuni giorni ad Ustica assisteremo ad un altro sperpero di denaro pubblico: allo stesso orario ( 14,30) partiranno 2 mezzi veloci ( entrambi catamarani ) per Palermo. Che dire?! Prenderemo un giorno l’uno ed un giorno l’altro per non creare disparità … oppure a testa o croce con una bella monetina.
Eppure lo scrivente l’anno scorso ha inviato una comunicazione privata agli attuali Amministratori proprio per una “rimodulazione” degli orari di partenza da Palermo e da Ustica, ma non è successo niente!
E’ normale, se si ragiona in questo modo, che alla fine “spuntano i buchi” ma così facendo diventano voragini e dopo si hanno i tagli di quei servizi utili al Turista ed all’economia dell’Isola.
Per non parlare poi delle varie “coincidenze” con le navi: se la nave resterà l’A. da Messina ( 3 ore circa di tragitto) e per come previsto partirà da Ustica alle 17,00… a rischio il proseguimento sulla Palermo/Napoli.

Ma chi si deve occupare di queste cose ?

Salvatore Militello

Aforismi, Citazioni, Proverbi… del giorno


Non esiste fortezza tanto forte che
il denaro non la possa espugnare.

Marco Tullio Cicerone