L’Isola di Ustica ed il suo Giro Podistico patrimonio culturale, turistico e sportivo del territorio.


Ustica (PA). Ritorna anche quest’ anno ad Ustica, dal 18 al 24 luglio, l’evento podistico denominato “Giro Podistico a Tappe – Trofeo Area Marina Protetta isola di Ustica” dedicato a tutti gli appassionati della corsa ed inoltre la terza edizione delle passeggiate ludiche motorie riservate ai camminatori per la promozione del territorio e dell’attività fisica all’aria aperta . Sin dall’inizio abbiamo voluto dedicare l’evento sportivo alla prima Area Marina Protetta istituita in Italia premiando i vincitori assoluti con l’ambito e prestigioso Trofeo AMP Isola di Ustica .  

Abbiamo sempre ritenuto che attraverso lo sport si possa promuovere il turismo e l’ambiente e fino ad oggi possiamo dire di esserci riusciti, regalando ai fortunati partecipanti ricordi di una vacanza sportiva indimenticabile in una location unica.   

Siamo giunti alla undicesima edizione con l’entusiasmo che contraddistingue i veri sportivi di ieri e di oggi, un evento a carattere nazionale (con presenze a volte anche di atleti stranieri)  che “compete” egregiamente in termine di visibilità con altri eventi simili, siciliani e nazionali. Speranzosi, inoltre, di riprendere al più presto anche la parte dedicata ai bambini denominata Mini Olimpiade. 

Novità di quest’ anno il gemellaggio con la 39° edizione della “50Km di Romagna” che ha fatto conoscere il Giro Podistico direttamente al proprio target di riferimento.  

Un evento come il nostro richiede una lunga preparazione e promozione nel periodo invernale che vada a stimolare lo sportivo a scegliere per le proprie vacanze estive l’Isola di Ustica in occasione del Giro Podistico. Un doveroso ringraziamento va a tutti coloro (Istituzioni pubbliche, forze dell’ ordine  e aziende di Ustica, semplici cittadini e volontari di ogni genere) che in questi anni ci hanno sostenuto e che continueranno a farlo. Siamo riusciti a far crescere l ‘appuntamento podistico anche attraverso la stampa e i media di riferimento, un grazie particolare va al Blog USTICASAPE ed al suo creatore Pietro Bertucci per le foto e lo spazio che ci ha dedicato nelle passate edizioni …e per le prossime che vorrà concederci. 

Restiamo a disposizione di chi vorrà collaborare con noi per questa ed altre edizioni. 

Il Comitato Organizzatore
Asd Sicilia Promo Sport Vacanze
Usticatour 

 

Ustica Pasqua 2022 – incontro

Intervista Nicola Longo

Ustica, vacanze slow in mezzo al Tirreno

Archeologia, storia, fondali spettacolari e cucina particolare: ideale per chi ama il turismo lento.

Un piccolo mondo in mezzo al largo della Sicilia: Ustica, piccola isola di fronte a Palermo, collegata giornalmente da traghetti e aliscafi, è stata generata dalla forza esplosiva del vulcano che la disegna e le dona quella splendida apparenza incontaminata, frastagliata di grotte che si aprono lungo coste scoscese, segnate da scogli e secche che si succedono e cingono la terra.

L’impronta dei popoli – Vari sono i popoli mediterranei che l’hanno abitata fin dal Paleolitico e ciascuno ha lasciato un’impronta, tant’è che diversi sono oggi i siti archeologici visitabili. Nel 1759 Federico II di Borbone, colonizzò l’isola e fece costruire delle Torri di guardia (Torre di Santa Maria e Torre Spalmatore), cisterne per la raccolta di acqua e case. Da quel periodo Ustica fu anche luogo di confino di prigionieri politici e lo fu anche durante il fascismo per intellettuali, come ad esempio Gramsci. Visitando l’isola, si possono trovare targhe a memoria dei confinati e molta gente ricorda ancor oggi che Gramsci diede vita ad una scuola, per dare un senso al tempo trascorso lì.

Turismo lento – Ustica è turismo lento, lontano dai flussi del turismo mordi e fuggi. Un turismo sostenibile, un turismo adatto a chi predilige fare passeggiate, camminiate in collina o lungo la costa, un turismo vero a contatto con la gente del luogo, con la natura, non solo mare e in maniera particolare non solo sub.
La natura è padrona e signora, attira turisti da ogni luogo, incantati dalle meraviglie da scoprire, visitare e vivere in prima persona. Le aree marine godibili sono estese e di grande fascino, la balneazione e attività come lo snorkeling consentono di fare esperienza di tutte le straordinarie caratteristiche naturali presenti, senza deturpare o interferire con l’ambiente. Da questa estate tutto ciò sarà raccontato ai turisti con UsticaInArt, una piacevole e inusuale guida illustrata con dipinti in acrilico su cartoncino.

Fondali spettacolari – Nell’isola sbarcano subacquei da tutto il mondo, che vi trovano alcuni dei fondali più spettacolari del Mediterraneo. Tutelati dal 1986, rappresentano una vera risorsa per l’economia locale. Moltissime le specie marine (tra cui la cernia Bruna, i tonni e la famosa alalunga, conosciuto anche come tonno bianco), che vi hanno trovato habitat ideale. Nuotando o navigando, ci si imbatte nel mitico Scoglio “del Medico e o-merico” in dialetto. Ed è a questo punto che viene da chiedersi se è questa, forse, la famosa isola Eea della leggenda, dove aveva dimora la maga Circe, che accoglieva i naviganti per tramutarli in animali. Ustica è ritenuta infatti dal mito l’isola di Circe, la maga dell’Odissea, che Ulisse incontrò durante il suo viaggio, dopo aver visitato il paese dei Lestrigoni.

Capperi e nasse – Tra i prodotti tipici dell’isola, inimitabili per genuinità e gusto, si trovano i capperi, le lenticchie da coltivazione biologica (le più piccole d’Italia e purtroppo a rischio estinzione), i biscotti fatti con le lenticchie e i gigi a base di mandorle e vin cotto. Importante è anche la tradizione delle nasse, reti da pesca intrecciate a mano, ancora molto utilizzate ai pescatori locali.

Passeggiate – Arrampicandosi in paese, si possono scegliere molte escursioni lungo i sentieri, oppure si può optare per un giro dell’isola. Ci si imbatte in gente accogliente, capace di una gentilezza familiare. Tra di loro, non è raro ascoltare vecchie storie, miti e leggende, che condividono volentieri con i turisti. Camminando, si incontrano anche antiche architetture, fra cui la bella a Chiesa di San Ferdinando Re, in centro, costruita nel 1772 e affidata ai Cappuccini.

Per maggiori informazioni: www.usticatour.it – www.ampustica.it

fonte:tgcom24

Auguri a GIanfranco Bertucci

50 anni sulla carta d’identità ma tu ne dimostri meno della metà 😁 quello che ti auguriamo è di continuare i prossimi 50 anni con un bagaglio carico di felicità e amore ti vogliamo bene e tanti auguri

Floriana Davide e le tue 3 nipotine Elena Sara e Celeste

———-

Gianfranco sono 50 anni con tanti ricordi!…
Per l’altra metà, oltre ad aumentare le candeline e la perdita di qualche capello, papà e,  da qualche altra parte, la mamma (che sarà sempre viva nel tuo cuore),  ti Augurano tanta Felicità conseguente alla realizzazione di tutti i tuoi desideri . 

^^^^^^^^^^^^^

AUGURI

Da Palermo Mario Oddo

Tantissimi AUGURI anche da parte mia. Altri 50 (minimo) di questi giorni !

^^^^^^^^^^^

Da Palermo Giovanni Martucci

Caro Gianfranco, un augurio affettuoso per il tuo cinquantesimo compleanno. Un cordiale abbraccio a te e tutta la tua famiglia.

Madreterra – Inno Ufficiale della Regione Sicilia [Anthem of Sicily Island]

Oggi Auguri a Elena Bombarda (una dei SAPE)


bty

 

 

Tanti Auguri a Elena per realizzare sempre i tuoi sogni e per i 13 anni vissuti avventurosamente da parte di Mamma Floriana , Papà Davide , Sara e Celeste e il nonno Pietro Buon Compleanno

 

 

Auguri di compleanno a Pietro Bertucci


Oggi gli auguri sono speciali, sono dedicati a chi ogni giorno scrive senza sosta su questa pagine.
AUGURI PIETRO.
Auguri di un compleanno speciale da vivere con vivacità da Floriana, Gianfranco, i tuoi amati figli, da Antonella, Davide e Daniele.
Ti Abbracciano forte forte i tuoi nipoti (S.A.P.E.) Sara, Antonio,Pietro, Elena, e Celeste che ti amano tantissimo.

 

“Ustica ed Isla Negra, due mari ed una poesia

ISLA NEGRA

Lungo il vasto paesaggio costiero dell’Oceano Pacifico, a circa 115 Km. da Santiago, nel Comune di El Quisco, provincia di San Antonio, regione di Valparaiso, c’è un luogo chiamato Las Gaviotas, ma che fu ribattezzato dal poeta  Pablo Neruda con il nome di Isla Negra a causa del colore delle sue scogliere.

In questo luogo silenzioso e solitario il poeta cileno, Nobel per la Letteratura nel 1971,  fece costruire  tra il 1943 e il 1945 la casa più amata delle tre che aveva nel suo paese e vi andò a vivere con la terza moglie Matilde Urrutia.

Il mare di quella scogliera, le onde, i frangenti, le spiagge e le falesie ricordavano al poeta la visione dell’oceano, quando da bambino lo vide per la prima volta nei pressi di Puerto Saavedra.

Fu da allora che il mare divenne lo scenario mitico della sua poesia.

Oggi quella House Museum è gestita dalla Fondazione Neruda e sulla spiaggia che conduce al  mare è sepolto il suo corpo.

USTICA

Fu così che nell’anno 2003 ad Ustica (Ustum, bruciato)  l’ isola dalle rocce nere di lava, realizzai un Concerto in Multivisione titolato: “Ustica ed Isla Negra, due mari ed una poesia”, per omaggiare la poesia di Pablo Neruda che tanto spazio aveva avuto nelle mie produzioni in multivisione premiate nei Festival Internazionali.

In quella memorabile occasione Sua Eccellenza l’Ambasciatore del Cile in Italia José Goñi ed il Presidente della Fundación Pablo Neruda, Juan Agustin Figueroa Yavar, assistettero allo spettacolo e con la volontà delle Istituzioni Regionali e comunali, L’Isola di Ustica fu gemellata con Isla Negra.

Gustai una rara felicità!

Oggi ricevo questo splendido video dall’apprezzato e amico filmaker Alessandro Tommasi che ha voluto farmi un dono speciale  ricordandomi momenti indimenticabili.

Qualunque commento è superfluo, le immagini di Alessandro Tommasi raccontano superbamente le visioni a cui si può assistere, mettendo gli occhi ma soprattutto l’anima sott’acqua per imparare, ancora una volta, come scriveva Neruda, “musica o coscienza, onda sola o essere profondo”!

Grazie Amico caro!

Mimmo Drago

^^^^^^^^^^^^^^^^^

COMMENTO

Un grazie sentito ad Alessandro Tommasi per questa sua straordinaria poesia visiva, scritta sotto il mare dell’Isola di Ustica, che ci ha voluto donare, dove ogni parola diventa superflua perché ogni immagine è già ricchezza di significati, di verbo e di sentimenti!

Un grazie sentito a Mimmo Drago, cittadino onorario di Ustica e già Tridente d’Oro nel 2001 per l’Attività di divulgazione legata al Mondo Marino, per il suo inarrestabile contributo nel diffondere le bellezze paesaggistiche e naturalistiche dell’Isola di Ustica, fino al punto di essere riuscito da solo nell’anno 2003, con la sua volontà ed il suo entusiasmo, a far scorrere come un fiume invisibile, la poesia immortale di Pablo Neruda, tra le pietre nere delle nostra Isola di Ustica!

La Redazione di Ustica Sape

^^^^^^^^^^^^^^

Da Palermo Mimmo Drago 

Grazie a Sergio ed a Mario per i loro pensieri e le loro riflessioni che stimolano a confessare emozioni segrete custodite forse soltanto nei sogni!

^^^^^^^^

Da Palermo Sergio Fisco

Soltanto il cuore può tradurre in sentimento le immagini che la natura offre spontaneamente ai nostri occhi e soltanto una mente pura può tradurre la grandiosità del creato in sensazioni dell’anima che ci avvicinino al mistero della Natura.
Un mistero che si rivela a noi ogni giorno ma che spesso, per essere compreso e fatto nostro, ha bisogno di essere identificato in un particolare e tradotto in immagini e suoni accessibili alla nostra limitata capacità di intenderli; ha bisogno di intermediari cui la stessa natura ha concesso il privilegio di assistere e di cogliere lo svolgersi intimo della sua esistenza senza malizia, senza i veli dell’ipocrisia e della mistificazione.
Le immagini che scorrono sono la poesia che la natura compone e recita ogni giorno al cuore degli uomini; sono versi di rara bellezza e di prepotente semplicità che questa umanità sperduta nella propria pochezza purtroppo spesso deride e misconosce, persa com’è nel suo mare torbido di indifferenza e di insensata cecità.

^^^^^^^^^^^

Da Palermo Mario Oddo

Che il caro Mimmo Drago nelle sue creazioni sia superlativo, detto da me è si profondamente sentito ma è ben poca cosa rispetto alle tantissime e prestigiose “certificazioni” nazionali e internazionali ricevute in passato, che continua a ricevere al presente e che sicuramente non gli mancheranno in futuro ma è anche una persona molto fortunata ad avere come amico un talentuoso filmaker di nome Alessandro Tommasi che gli fa dono di un fantastico video; a nostra volta, fortunati anche noi che possiamo contare su un altrettanto grande amico, qual’è Mimmo, che puntualmente ci impegna piacevolmente “a occhi e cuore unificati” al godimento di tanto spettacolo a base di parole e immagini. A Mimmo ci accomuna l’amore per Ustica; come “diffusore” a suo ricercato modo delle innumerevoli bellezze isolane non possiamo che dirgli ancora una volta: GRAZIE!

 

Auguri a Celeste Bombarda

Auguri a Celeste la più piccola dei nipoti, bimba speciale che riesce sempre a strapparti il sorriso

 

Auguri da Nonno Pietro


A Celeste la mia amata nipotina

Nonna Iores


A te che hai allargato ancora di più il nostro cuore e la nostra famiglia

 

Elena , Sara,Papà Davide e Mamma Floriana

A Pietro la P di ustica saPe

NPietro Berrtucci Gianfrancoonno ti Augura con grande gioia di aver raggiunto una tappa importante !

Continua il tuo cammino e segna il tuo sentiero essendo esempio e guida
facendo scelte sempre coerenti con chi vuoi essere e diventare
Tanti Auguri per i tuoi 18 anni

da Nonno Pietro


Pietro che le tue passioni siano l’energia per continuare a fare  la tua vita in un capolavoro.

Zia Floriana, Davide, Celeste Elena e Sara

^^^^^^^^^^^^^

AUGURI

Da Palermo Gaetano Nava

auguri da tutti noi bacioni

Auguri a Sara Bombarda

Auguri a Sara (La S di Sape) per i suoi 11 anni  vissuti sempre con il sorriso e con  coraggio.
Riesci sempre a farti amare per il tuo cuore da tanti amici

Buon Compleanno
da mamma Floriana
papà Davide
e le sorelle Celeste ed Elena 

 

Auguri a Floriana

I fuochi nella notte di Ustica scandiscono l’entrata nel tuo compleanno speciale.

Sei da sempre impegnata a realizzare i tuoi sogni
e noi tutti vogliamo ricordarti quanto per noi sei importante.

Auguri di Buon Compleanno !!

Celeste,Sara,Elena


Continua a Sognare Forte

Davide

Presidente Nello Musumeci, Ustica ha grandi potenzialità che debbono essere valorizzate e sostenute…

Raccolta differenziata: le linee guida di massima per un corretto riciclo

Celeste Auguri nella lingua dei segni

Ustica, la perla nera del Tirreno [ Prima Puntata ]

RINGRAZIAMENTI
Dalla Sardegna Ivan Vargiu

Un ringraziamento speciale al Sig. Pietro Bertucci, per aver dato visibilità al mio video-reportage sul suo sito www.usticasape.it , nonché a tutti coloro che mi stanno seguendo con entusiasmo da varie parti del Mondo.
Prossimamente verranno pubblicate anche le puntate successive.

Cordiali saluti

^^^^^^^^^^^

COMMENTO
Dalla California Fred Lauricella
E’ molto bello! Guarderò avanti, con entusiasmo, la prossima puntata!

 

Collegamenti Marittimi con Ustica Regolari

Collegamenti marittimi Ustica
Collegamenti marittimi Ustica

Oggi i collegamenti marittimi con Ustica sono regolari.

CI scusiamo per il ritardo della comunicazione dipendente da motivi tecnici.

Lutto

lutto (2)
Oggi è passata ad altra vita a Palermo all’età di 74 anni Caminita Giuseppina in Caserta.
Ai familiari le più sentite condoglianze
^^^^^^^^^^^^

CONDOGLIANZE

Da Ustica Giovanni Martucci

Sentite condoglianze alle famiglie Caminita/Caserta. Giulia, Pina e Giovanni

^^^^^^^^^^^

Da Milano Mino De Girolamo

Sentite condoglianze alle famiglie , Mino- Emilia

^^^^^^^^^^

Da Ustica Angelo Tranchina 

Appresa notizia della prematura scomparsa di Pina, giungano ai familiari sentite condoglianze.
Angelo Tranchina e famiglia

^^^^^^^^^^^

Dalla Svizzera Felice e Graziella Giardino

sentite condoglianze alle fam. caserta-caminita

^^^^^^^^^^^^

Da Palermo Piero Pomilia
siamo vicini al dolore della famiglia Caserta e Basile per la grave e repentina dipartita. Sentite condoglianze. Cinzia e Piero Pomilia
^^^^^^^^^^^^
Da Altofonte Rosalia Clara Salerno

Sentite condoglianze ai Familiari.

Giornale di Sicilia di Oggi 21.09.2016

giornale-di-sicialia-21-09-2016