Ustica sape

La Webcam alla Falconiera, realizzare il sogno di tanti di noi “fuoriusciti” e non solo


Ormai qualcuno l’avrà capito che sono un usticese che ha l’isola nel cuore ma anche nel cervello. Anni fa lessi una motivazione che dava uno psicologo di questo fenomeno e ricordo che la spiegazione mi sembrò allora convincente. Mi sono sempre  chiesto per quale motivo non si  installassero altre  webcam magari a tramontana che si presta meglio in ragione della morfologia. Ci ha pensato Pietro Bertucci a cercare di realizzare il sogno di tanti di noi. Per la verità ci avevo pensato anch’io ma il luogo era il semaforo, pardon il radar ma poi concludevo che le pastoie burocratiche sarebbero state insormontabili. Ho parlato volutamente di “semaforo” non è stato un lapsus: mi piacerebbe conoscere il nome di colui che ha dato il benestare ad abbatterlo! Abbattere un monumento! Lo prenderei a calci per sempre. Se il suo gemello di Capo Gallo a Palermo è ancora li un motivo ci sarà. L’uomo tanto può quanto sa sosteneva Sir Francis Bacon italianizzato in Francesco Bacone. Che c’hazzecca direbbe qualcuno si ci azzecca basta riflettere. Le mie riflessioni si fermavano davanti al muro della mancanza di elettricità  che avrebbe  comportato un capitale per portargliela. Invece oggi ho appreso da Pietro  che si può fare e che l’unico ostacolo è rappresentato da 250 miserabili euro. Non ci posso credere: sembra che a dare la risposta sia stato il Sindaco ovvero Salvatore Militello che è persona affatto empatica, ma è  certamente persona onesta e mi chiedo come ha fatto a dare quella risposta e non abbia colto l’opportunità che gli si presentava di rendersi un po’ simpatico  almeno fra i tanti usticesi sparsi nel mondo? Scherzi a parte non cambierò idea sulle sue qualità ma, santo diavolone: un pizzico di politica! Forse un piccolo esame di coscienza non guasterebbe. Se purtroppo il Comune di Ustica non può coprire questa spesa l’unica strada percorribile è di lanciare una raccolta fondi tra noi “fuoriusciti” come benevolmente ci definiva l’indimenticato Camillone.  Per quanto mi riguarda sono il primo della lista.

Giuseppe Giuffria

2 risposte

  1. Chi si occupera della raccolta e come? Io partiro’ sabato 30 e rimango in attesa di conoscere chi come e quando.
    Giuffria

Rispondi con il tuo Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.