Ustica sape

Lui era un Cesare, ne avremo mai un altro” – di Aldo Messina


A leggere il recente ( e devo dire apprezzabile) commento di Pietro Bertucci, pubblicato su Usticasape, sembra quasi di sentire Antonio che urla contro il “rispettabile” Bruto nella famosa apologia di Giulio Cesare, riportata nel dramma dedicato a quest’ultimo da William Shakespeare.

Sembra di sentire dire : Porretto era un assessore ne avremo mai un altro?

“Per assolvere- scrive Bertucci- determinati incarichi e per raggiungere l’obiettivo prefissato ci vuole una preparazione culturale di base, una predisposizione e l’atteggiamento mentale idoneo. Il dott. Porretto aveva queste caratteristiche – peccato che per i numerosi impegni non ha potuto onorarci della Sua presenza fisica sull’Isola”.

Ci sarebbe subito da chiedersi: “ chi ha le qualità descritte da Bertucci ed aggiungo io, le conoscenze che ha Porretto, sia pronto a partecipare a tutte le sedute di giunta che si convocano ad Ustica ed a ai tantissimi incontri sul Turismo organizzati (distretto turistico)tra Palermo, Alcamo e Partinico?

Ma andiamo per ordine.

L’assessore Porretto, che mi ha garantito comunque la propria disponibilità a collaborare in futuro,anche non da assessore, ha portato avanti numerose iniziative. Il suo compito andava svolto nei diversi assessorati e questo comportava un notevole sforzo non solo di tempo ma anche economico.

Gli incontri più importanti con gli operatori usticesi sono avvenuti sempre alla sua presenza, quelli “quotidiani” hanno avuto luogo, avvengono e continueranno ad esserci alla presenza del sottoscritto e/o degli altri assessori. Qualche operatore può affermare che gli sia stato negato un colloquio con la Giunta? Qualcun altro può affermare che qualche delibera di giunta sia stata ritardata od omessa per l’assenza di qualche assessore?

Il dottore Porretto ha ritenuto doversi allontanare dall’esperienza comunale in agosto, quando mi è stato difficile raggiungerlo per un colloquio volto a dissuaderlo dalla sua decisione. Incontro dettato non tanto da motivi politici ma da altri due valori più importanti che mi legano alla sua persona: stima ed amicizia.

Come è noto, le dimissioni di un sindaco e/o di un assessore, secondo l‘ ordinamento regionale degli Enti Locali, sono irrevocabili e pertanto la giunta da quel momento deve considerarsi incompleta. Lo Statuto del Comune di Ustica, infatti, (quindi quello che sto per affermare ha validità per il nostro Comune e non è detto che valga per un altro) prevede che la giunta sia composta dal sindaco e da quattro assessori. Non dice “ sino a quattro” ma quattro. Per inciso avevo già chiesto recentemente all’ufficio affari Generali di proporre in Consiglio la modifica di questo articolo. Si è poi convenuto di soprassedere per il momento in quanto, è noto, che la Regione intende modificare l’ordinamento degli Enti Locali.

In termini pratici ,, tornando a noi, giunta incompleta equivale ad impossibilità a deliberare.

Una sentenza del CGA ( Consiglio Giustizia Amministrativa), considerando che il sindaco ha un certo periodo di tempo per nominare un nuovo assessore, afferma che, per un periodo di tempo molto limitato anche una giunta incompleta possa approvare atti. Ma è una sentenza non una legge e non è automaticamente estesa a tutti i casi analoghi. Costituisce solo un “ precedente”.

Il 27 settembre si dovevano deliberare in giunta due progetti, inseriti in un canale di finanziamento ( PIST), che ci vede “ in società” con il Comune di Palermo e quello di Villabate, la cui scadenza di presentazione è fissata nel 30 settembre. Come pubblicato sui siti, i progetti da approvare erano due:

scuole materne e recupero ex Hotel San Bartolomeo. Una richiesta “europea”, filtrata dalla Regione, di parecchi milioni di euro. E così è stato, il giorno dopo, il 28, le delibere sono state riportate dal sottoscritto all’incontro tra sindaci delle isole minori che ha avuto luogo presso l’apposito ufficio in via Magliocco. Gradita la presenza all’incontro del consigliere Caserta, intervenuto perchè, come tutti, viene quotidianamente via mail aggiornato sulle attività in agenda. Non so se i due progetti presentati saranno approvati o meno dalla Regione, noi abbiamo consegnato il tutto nei tempi e nei modi previsti.

Se avessimo deliberato con una giunta incompleta, avremmo rischiato che, come è previsto dalla legge, qualche cittadino(“capite a me”), che potesse avere un qualsiasi tipo di interesse avverso l’approvazione anche di una sola delle due delibere, presentando un ricorso al TAR, ne impugnasse l’approvazione.

Possibilmente ( ma non certamente) il TAR avrebbe respinto il ricorso e dato ragione al Comune, ma quando? Quali spese legali avrebbe dovuto sostenere il Comune? E se dopo il TAR si ricorreva al CGA? Altri tempi ed altri costi.

Scusatemi se enfatizzo la mia posizione, ma credo che, da buon padre di famiglia, abbia fatto bene a pensare di invitare un cittadino, in questo caso Felice Giardino(ma altri mi avevano risposto negativamente), a ricoprire temporaneamente ( mai detto otto giorni) la carica di assessore comunale.

Felice non aveva e non ha alcuna voglia di fare l’assessore comunale, si è candidato alle ultime elezioni comunali in una lista avversaria della mia,è definito “ bravo ragazzo e gran lavoratore”ma, aggiungo io, infaticabile è un ottimo imprenditore di se stesso e del suo nucleo familiare e si è fatto in pochi anni una posizione. E’ uno dei pochi che ha il sorriso sempre sulle labbra. Felice è un assessore temporaneo in attesa di ricomporre la giunta. L’attuale Presidente del Consiglio non è stato informato di questa mia decisione per il motivo che la scelta non ha finalità politiche ma amministrative ed in questa vicenda, nel bene o nel male, Cannilla non c’entra per nulla.

Facciamo delle considerazioni.

E’ evidente che non ho agito perché ritengo ( come qualcuno ha pensato) che gli “usticesi abbiano l’anello al naso”. Per chi mastica psicologia sociale, risulta evidente che chi ha fatto questa ipotesi pensa di se stesso di avere l’anello al naso. Ed il problema è suo non mio.

Mi preoccupa, analogamente, il sapere che qualcuno possa aver creduto “ ad una diabolica trovata del sindaco”. Infatti (anche questo è un principio di psicologia dei gruppi) “ognuno pensa come opera”.

Non credevo di scatenare in alcuni cittadini tanti cattivi pensieri, semplicemente perchè nella mia mente non c’è lo schema mentale che può portarmi a denigrare gli usticesi (“Anello al naso”) o ad “essere diabolico” con loro.

Ho dimostrato, carte alla mano, il perché del mio operato e siccome, ripeto, “ognuno pensa come opera”, non essendo stato io a pensare con cattiveria , evidentemente il “diabolico” non è in me ma in chi lo ha pensato.

Ora al lavoro che c’è molto da fare .

La politica turistica, in un momento di crisi economica, come questo, è una cosa seria, richiede non solo professionalità ma soprattutto “presentabilità”.

Non basta dire “ incontrerò gli operatori turistici”( lo faccio anche io quotidianamente) , rifonderò la Proloco( esperimento già fatto in pubblica assemblea nel 2004 e fallito), farò manifestazioni, senza specificare con quali finanziamenti.

Il turismo ha una sua politica e la politica ha il compito di dare atti d’indirizzo, secondo un mandato popolare.

Non si può dire al tempo stesso vogliamo turismo giovanile ma non vogliamo rumore oltre i 55 dB ( il che equivale a chiudere le discoteche), chiediamo un turismo d’elite ed al tempo stesso, ci “ banniamo” reciprocamente e facciamo in modo che chiudano i locali pubblici (degli altri)o auspicare la presenza di un turismo di navi Crociera ( da me portato nel 2004) quando pochi parlano una lingua straniera e così via con tanti altri esempi.

Questa amministrazione ha triplicato i collegamenti navali veloci, riattivato la linea veloce Napoli Ustica, ha realizzato centri congressi e Musei, reso presentabile il nostro biglietto d’ingresso ( che completeremo presto), acquistato nuovi bus, installato le pensiline per non fare arrostire al sole i turisti, portato spettacoli e manifestazioni di grande rilevanza, ottenuto, unica isola, sconti sui trasporti nei mesi di giugno e settembre. Forse si poteva fare di più ma sinceramente ora è il momento che ogni cittadino faccia la sua parte.

E’ finito il tempo dello Zio Pantalone( lo Stato , il Comune, la Regione) che paga per tutti e dall’anno prossimo sarà ancora peggio.

E questo non ad Ustica ma dovunque. A Sferracavallo ( che non è un comune ma una frazione turistica di Palermo), ad esempio, per la festa patronale di San Cosmo e Damiano il Comune non ha dato una lira, i cittadini si sono tassati, hanno realizzato la festa con giochi pirotecnici e ( si legge sul gds di oggi) sorteggiato un’auto. Sappiamo bene invece come sia andata ad Ustica la raccolta di fondi per la festa di San Bartolo.

Proposte concrete? Non ne ho lette molte.

In didattica si differenzia il programma dal progetto. Il programma è quello che si vuol fare, il progetto è come, dove, quando e nel nostro caso, con quali soldi, lo si può portare avanti. Queste sono proposte valutabili gli altri, lo ho già detto, sono discorsi da caffè.

In questo senso ho apprezzato in questo un altro articolo di Bertucci, che di fatto si allinea a questo pensiero.

Ho letto gli articoli pubblicati in questi giorni. Di alcuni non ne ho capito (ma è una mia lacuna) il senso, tanto erano arzigogolati.

Un altro faceva riferimento, da ex presidente del consiglio, alle liti ed ai continui” cambi di casacca” dei consiglieri comunali.

Non sta a me difendere il consiglio, ma è anche all’autore di questa lettera che mi rivolgevo riportando il testo di Andrè” la gente dà buoni consigli se non può più dare il cattivo esempio”.

Se non ricordo male, infatti, l’autore è stato presidente di… se stesso.

Eletto con sette consiglieri in un’elezione nella quale non si era presentata alcuna lista d’opposizione, è stato così bravo( pur, ripeto, senza opposizione) da far ridurre al minimo(quattro, gli altri si sono dimessi) il numero dei consiglieri. In quell’occasione il consiglio non è stato sciolto completamente, per mancanza di numero legale, perché una consigliera “ è stata tenuta in vita “, pur non presentandosi mai in consiglio. Ed ora l’ex Presidente dà lezioni a chi? L’attuale consiglio comunale è costituito da tutti i suoi dodici consiglieri che, come avviene anche nella altre realtà italiane grandi e piccole, vivono un momento di incertezza. Inoltre questo ex presidente del consiglio autore della nota, evidentemente ama De Andrè e si comporta come “ le Comari di un paesino che non brillano certo d’iniziativa e le contromisure, sino a quel punto, si limitavano all’invettiva”. Ed infatti l’ex presidente di se stesso inveisce contro l’attuale amministrazione rea, a suo dire, di scarso controllo del territorio ( ma questa estate non ci si lamentava dei troppi controlli delle autorità?). Potrei riportare i dati statistici sull’argomento dei VVUU, con la precedente e l’attuale amministrazione ma non è questo il punto. Perché, invece che restare nel vago (invettiva) , l’ex non scrive chiaro e tondo chi ha fatto che cosa? La verità è che “Giove ha posto sulle spalle di ognuno di noi due bisacce: una, davanti, con i difetti( e gli eventuali abusi edilizi) altrui e l’altra, dietro le spalle, con quelli nostri.

Ecco perché ognuno riconosce solo i difetti ,i peccatucci, degli altri e non i propri.”

Da queste premesse continuiamo a costruire una nuova classe politica, senza distruggere tutto il passato per evitare una gattopardesca condizione di stasi.

Una classe allineata con tempi economicamente difficili e pronta a dover dire più volte no che si, disposta al sacrificio e non ai privilegi, all’impegno sociale e non sempre alla riconoscenza e che giudichi dal campo di battaglia e non stando seduta sulle panchine della piazza.

E non è solo un problema di proporre un assessore ma, tra poco più di un anno, anche un sindaco, quattro assessori e dodici consiglieri. Credetemi, non è e non sarà semplice.

Lui era un Cesare, ne avremo mai un altro?

IL SINDACO
Dr Aldo Messina

^^^^^^^^^^

COMMENTO:

Da Ustica Salvo Tranchina 

Rinnovo sempre la mia stima al Sindaco e come fan tutti fin dall’inizio della legislatura lo invito sempre ad informare maggiormente l’opinione pubblica su ciò che quotidianamente fa……..ma siccome anche Lui di tempo a disposizione per “pettinare le bambole” ne ha meno di poco………..fa come faceva il buon Ghandi……opera in silenzio………….

Un insegnamento che ho metabolizzato dal Sindaco durante il periodo che gli sono stato accanto è stato quello di imparare che è dei posteri l’ardua sentenza……e d’altronde operando sempre per la pace e in buona fede…..ha avuto tutta la mia stima fin dal primo giorno che l’ho conosciuto quando mi disse :”pensa alla storia del passato e fammi dei nomi di personaggi celebri che l’anno segnata? D’impulso risposi Gesù, Ghandi, Hitler…… Ecco mi disse:” adesso dividili fra i buoni e i cattivi………., visto, ricordi con maggiore stima i primi e non certo l’ultimo…e questo deve essere il tuo esempio. Per il resto……… lascia che ognuno scelga il proprio mito !!! Come a dirmi : Tu pensa a seminare bene, poi……..gli altri giudicheranno !!!

 
 

 

 

2 risposte

  1. Rinnovo sempre la mia stima al Sindaco e come fan tutti fin dall’inizio della legislatura lo invito sempre ad informare maggiormente l’opinione pubblica su ciò che quotidianamente fa……..ma siccome anche Lui di tempo a disposizione per “pettinare le bambole” ne ha meno di poco………..fa come faceva il buon Ghandi……opera in silenzio………….

    Un insegnamento che ho metabolizzato dal Sindaco durante il periodo che gli sono stato accanto è stato quello di imparare che è dei posteri l’ardua sentenza……e d’altronde operando sempre per la pace e in buona fede…..ha avuto tutta la mia stima fin dal primo giorno che l’ho conosciuto quando mi disse :”pensa alla storia del passato e fammi dei nomi di personaggi celebri che l’anno segnata? D’impulso risposi Gesù, Ghandi, Hitler……
    Ecco mi disse:” adesso dividili fra i buoni e i cattivi………., visto, ricordi con maggiore stima i primi e non certo l’ultimo…e questo deve essere il tuo esempio. Per il resto……… lascia che ognuno scelga il proprio mito !!! Come a dirmi : Tu pensa a seminare bene, poi……..gli altri giudicheranno !!!

  2. C’é nelle cose umane una marea che colta al flusso mena alla fortuna:perduta,l’intero viaggio della nostra vita si arena su fondali di miserie.(Shakespeare,Giulio Cesare)

Rispondi con il tuo Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Buon Compleanno

A  Mario Bellavista a  Massimiliano Mancuso a   Giovanni Basile (C/da Piano Cardoni) a   Felice Caserta a   Cheryl Bertucci ad  Alessia Canè a 

Read More »
  • CONTATTAMI


  • WEBCAM - USTICA PORTO

  • WEBCAM SPALMATORE


  • WEBCAM USTICA PORTO


  • WEBCAM USTICA PORTO


  • WEBCAM PORTO PALERMO


  • VENTI


  • VENTI


  • NAVI


  • Privacy

    Licenza Creative Commons
    Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported. DMCA.com
  • TRADUTTORE

  • COME RAGGIUNGERE USTICA

  • Il Libro per tutti i genitori!

  • Hanno detto sul blog

  • Luglio 2024
    L M M G V S D
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    293031  
  • ASD Ustica

    ASD Ustica