Riceviamo e pubblichiamo – Ustica, aliscafo obsoleto

Da PalermoToday – Diego Altezza  

Dal 20 Aprile 2022, l’Aliscafo della Liberty Lines “Carmen M”, che collegava Ustica con Palermo, è stato sostituito dall’obsoleto Aliscafo “Alijumbo Zibibbo”, costruito nel 1991: un vero e proprio salto nel passato. Peccato però che l’Aliscafo “Alijumbo Zibibbo”, al suo interno, non ha spazi in cui depositare i bagagli. Stamane i passeggeri sono stati costretti ad appoggiare i propri bagagli tra i sedili vuoti. Tra poche settimane, con gran numero di turisti in arrivo, come si farà? La stagione turistica è alle porte ma, nonostante ciò, si nota ancora un improvvisazione generale nell’organizzazione dei trasporti in continuità territoriale. Il turismo non tollera improvvisazione e assenza di programmazione.

Fonte: PalermoToday

One thought on “Riceviamo e pubblichiamo – Ustica, aliscafo obsoleto

  1. Caro Diego,
    neanche il miglioramento del benessere di una comunita’ “tollera improvvisazione”;
    senza una “programmazione” delle azioni da compiere, senza la COLLABORAZIONE di tutti coloro che intendono dare un contributo affinche’ cio’ sia realizzabile, si rischia SOLO di fare “salti nel passato”!
    Continui a preferire il “piedistallo” all’agora’.
    E poi dovresti sapere che la stagione estiva (nessuno che la programma in modo che a beneficiarne sia l’intera comunita’ ), per come la intendi tu, ad Ustica non inizia prima di fine Giugno, se non oltre.
    Sforziamoci a collaborare ed iniziamo a risolvere quei problemi creati dalle amministrazioni/Sindaci di Ustica;, rendere quei disagi e disservizi piu’ sopportabili.
    Onestamente al tuo posto avrei attenzionato il reale problema del caro bollette elettriche; argomento questo attuale e di discussione in tutte le Isole della Sicilia.
    A Pantelleria di recente 800 cittadini/isolani, assistiti da due avvocati, hanno manifestato in piazza;
    a Lipari e’ stato trattato in Consiglio comunale;
    a Lampedusa/Linosa, Pantelleria e Favignana/Egadi, le amministrazioni, servendosi della propria pagina facebook, quanto meno hanno informato la cittadinanza e richiesto interventi da parte degli organi preposti.

    Sempre da Pantelleria, servendosi anche della pagina facebook, l’amministrazione ha fatto sapere che fino a Maggio si possono presentare progetti da finanziare, leggasi “Democrazia partecipata”.

    Ustica e’ la sola eccezione, in NEGATIVO!
    Neanche creare una semplice pagina facebook e servirsene, sembra possibile.
    Ovviamente sono solo alcune infomazioni che potrebbero essere spunti di un sereno e costruttivo dibattito da discutere all’interno di una assemblea pubblica e non solo.

    Con spirito collaborativo,
    Jose’….uno che al “Piedistallo” preferisce l’AGORA’ .

Rispondi con il tuo Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.