Ustica sape

SU “L’ODDO VOLANTE” CON LA GUIDA SPIRITUALE DELLA PARROCCHIA DI USTICA. OGGI SU E GIU’ CON DON NICOLO’.


Ancora “note” nel tradizionale “giro” del venerdì, non musicali ma oggi profondamente spirituali visto l’ospite con cui con molto piacere mi intrattengo. Note che “ascolteremo” dalla viva voce di don Nicolò Michele Bordonaro, giovane parroco della Parrocchia San Ferdinando Re di Ustica. Dall’anno 2020 vive nell’isola una nuova esperienza pastorale dopo essere stato precedentemente a Palermo, sua città natale, parroco delle parrocchie di Santa Caterina da Siena a borgo Ulivia e San Giuseppe a Passo di Rigano. Nel corso del consueto “giro” settimanale, non senza un pizzico di emozione in quanto “diversa” dalle precedenti, inizio la “chiacchierata” con don Nicolò.

= Il trasferimento da una parrocchia all’altra dopo tanti anni comporta sicuramente un sofferto distacco da luoghi e persone entrate nel cuore; ma questa regola ecclesiastica interna è una dura lex sed lex. Preparato quindi interiormente alla rotazione come hai accolto invece la destinazione-Ustica, prima esperienza parrocchiale in un’isola?

Non voi avete scelto me ma io ho scelto voi. (Gv 15,16)

Ho accolto la chiamata a seguire la comunità cristiana in Ustica con senso di responsabilità, certo che, dicendo si, il Signore provvedeva ad aiutarmi nelle difficoltà. In questi tre anni ho sperimentato i frutti di quel si, tra i quali la gioia e la libertà”.

= Il tuo nuovo incarico di Parroco allora è caduto in pieno periodo della pandemia quando, come tutti, hai dovuto purtroppo confrontarsi con le restrizioni e i disagi di quel tempo. In questo il tuo inserimento nel contesto spirituale e anche sociale dell’isola ha inevitabilmente subito un rallentamento poi superato?

Il regno di Dio non viene in modo da attirare l’attenzione e nessuno dirà: ”eccolo qui”, oppure “eccolo la’”. Perché ecco il regno di Dio è in mezzo a voi (Lc 17,20-21)

Ho fatto tesoro dell’esperienza nella precedente comunità e attraverso i mezzi di comunicazione in particolare, la messaggistica whatsapp e l’utilizzo delle piattaforme per l’annuncio del Vangelo ho raggiunto i cristiani che lo desideravano nelle loro case. Gradualmente c’è stata l’apertura che ha permesso di incontrare i fratelli in presenza”.

= La prima guida spirituale di Ustica, in termini di accoglienza, ascolto, partecipazione, aggregazione, collaborazione, dai fedeli della comunità e particolarmente dalla gioventù isolana ad oggi registra le risposte attese?

Questa è la vita eterna: che conoscano Te, l’unico vero Dio e colui che hai mandato, Gesù Cristo. (Gv 17,2)

Un presbitero quando è chiamato a servire una realtà, propone e non impone il Vangelo, pertanto ogni giorno mi misuro sulla capacità di offerta al Padre e sulla croce del Figlio Gesù. La particolarità di questa realtà sta nel fatto che essendo piccola, si incrociano i volti di ogni persona indipendentemente dal suo credo e dal proprio modo di intendere la relazione con la chiesa e per tutti NESSUNO ESCLUSO c’è un posto nel cuore”.

= La parrocchia è una “casa” dove, come del resto in tutte, sorgono quotidiane problematiche da risolvere e necessità da affrontare. Oggi, forse più che in passato, in questo grazie all’aiuto della tecnologia, oltre che buon Parroco necessita essere anche attento ed esperto manager?

Il Figlio dell’uomo non è venuto per farsi servire, ma per servire e dare la propria vita in riscatto per molti. (Mc 10,45)

Il ministero sacerdotale nella Chiesa cattolica non è una funzione, c’è la tentazione che lo diventi, pertanto compito del presbitero è rendere viva e accessibile la persona di Gesù, sia dentro un aula liturgica, sia fuori in una piazza, sia quando abita i social”.

= Siamo quasi in chiusura; ti invito ad utilizzare questo piccolo rimanente spazio come meglio credi.

Sono grato a Mario Oddo, perché grazie alle domande a me proposte ho avuto l’occasione di riflettere sulla bellezza del dono del ministero che ho ricevuto ventidue anni fa, per l’imposizione delle mani dell’Arcivescovo Cardinale Salvatore de Giorgi.

“Ed ora come è consuetudine concludo con la sotto-rubrica “Via col…vanto”. Ti trovi nell’occasione di dover, appunto, vantare ad altri l’isola di Ustica; quali parole in particolare spenderesti?

Prenderei in prestito le parole del “Cantico delle Creature” del Sommo Francesco. Più volte mi sono trovato a recitarlo ammirando le bellezze dell’isola di Ustica.

Lascio a malincuore la buona compagnia di don Nicolò che ringrazio per l’accoglienza che ha riservato al mio invito. Se le mie domande sono state per il Parroco occasione di riflessioni, dichiarazione che accolgo con piacere oltre che amplifica la mia emozione, confesso che ogni parola delle sue risposte è stata percepita da parte mia, ma anche, presumo, dai lettori, come una “carezza spirituale”; Conversazione al termine della quale viene puntualmente fuori la conferma di un Parroco punto di riferimento per i suoi parrocchiani in quanto, fin dall’inizio del suo insediamento nell’isola, manifestatosi come chiaro portatore e distributore di valori umani e cristiani; figura inoltre sicuramente rispettata anche da chi per diverso orientamento tiene distante la chiesa ma non chi in loco la rappresenta.

Per concludere, a don Nicolò un umilissimo suggerimento che spero vorrà prendere in considerazione: in chiesa o fuori altrove, ogni volta che ti troverai a rivolgere a parrocchiani (e non) il francescano “pace e bene”,  triplica la “dose” della prima parola, prova ad augurare  “pace, pace, pace e bene”; “don”, per ora “melius abundare”.

Mario Oddo
odmar@libero.it

 

Rispondi con il tuo Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  • CONTATTAMI


  • WEBCAM - USTICA PORTO

  • WEBCAM SPALMATORE


  • WEBCAM USTICA PORTO


  • WEBCAM USTICA PORTO


  • WEBCAM PORTO PALERMO


  • VENTI


  • VENTI


  • NAVI


  • Privacy

    Licenza Creative Commons
    Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported. DMCA.com
  • TRADUTTORE

  • COME RAGGIUNGERE USTICA

  • Il Libro per tutti i genitori!

  • Hanno detto sul blog

  • Maggio 2024
    L M M G V S D
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031  
  • ASD Ustica

    ASD Ustica