Ustica sape

SU “L’ODDO VOLANTE” IN GIRO … CON CHI PORTA IN GIRO. OGGI SU E GIU’ CON VITTORIO ARNO’


Una constatazione in premessa: non sono mai solo su <l’Oddo volante>, c’è sempre qualcuno/a che mi fa piacevole compagnia; in più nell’odierno “giro” registro una coincidenza assai singolare: chi mi sta accanto è un isolano che a Ustica per lavoro abitualmente accompagna; oggi, guarda caso, è proprio lui ad essere accompagnato. Il “lui” in questione, come anticipato nel titolo, è Vittorio Arno’ che, come del resto hanno fatto coloro che lo hanno preceduto in questa rubrica, cortesemente non ha esitato ad accettare il mio invito. Vittorio svolge nell’isola un bel (e forse invidiato) lavoro, non c’è che dire! Volentieri ne descrive aspetti e particolari durante la nostra “chiacchierata”.

Vittorio, cominciamo da dove tutto ha avuto inizio: quando nasce la cooperativa; perché il nome “Ciprea” e finalità.

“La Soc. Coop. Ciprea è nata su iniziativa di quattro usticesi nel 2008; oggi si espande per tutta l’isola ed offre lavoro a tutti gli usticesi che hanno competenze nel campo nei limiti di opportunità che l’isola ci offre. Nostro scopo è quello di valorizzare i beni Ambientali e Culturali prettamente dell’isola di Ustica. Il nome scelto? primo. è un acronimo: ogni lettera è l’iniziale delle singole operatività che la cooperativa svolge; <C.I.P.R.E.A.> sta per: Cultura, Informazione, Promozione, Relazione, Emozione ed Animazione: secondo, è stato scelto questo nome in richiamo della ciprea, una conchiglia che si trova nei nostri mari e viene usata spesso nelle collane, bracciali, cavigliere etc. tipo di bigiotteria che ti fa sentire il profumo dell’estate”.

— nel fare il bilancio della stagione estiva appena conclusa, in termini di presenze di “vacanzieri” sull’isola, e quindi di potenziale lavoro per voi, in un raffronto con le stagioni precedenti, le aspettative come sono state?

Quest’anno la nostra attività si è svolta con lo stesso ritmo registrato in precedenza negli anni del Covid, (quando, nonostante le note restrizioni, si è comunque lavorato di più); questo soprattutto grazie a varie promozioni che attiviamo ogni anno per la nostra isola che danno sempre buoni frutti”.

Vittorio, grazie alle vostre escursioni alternative programmate giornalmente i turisti, specie quelli alla prima presenza a Ustica, in estate fanno forse una scoperta del tutto inaspettata, quella che l’isola offre non solo mare ma anche territorio; ecco, puoi stilare una specie di “hit parade”, di cosa in particolare dell’isola colpisce il visitatore? poi, portando a spasso per lavoro tanti escursionisti capita che viene fuori un episodio curioso, un aneddoto; ne ricordi qualcuno?

“Ustica si sa è il paradiso dei sub; ma l’isola gode anche di tantissime attrattive paesaggistiche e di notevole spicco quali, ad esempio, la riserva terrestre, il villaggio preistorico, il suo cielo incontaminato insieme a tanti altri beni che ormai da tanti anni mi preoccupo di valorizzare e pubblicizzare a tutti i nostri visitatori. Non si può stilare una “hit parade” vera e propria sulle escursioni più amate perché ogni persona ha gusti diversi. Negli anni mi sono accorto che la gente apprezza molto di più una escursione grazie a chi la narra e soprattutto a come la narra; fatta questa dovuta premessa, ritengo che le osservazioni ed escursioni preferite dai viaggiatori sono rispettivamente quelle astronomiche seguite dalle naturalistiche e poi archeologiche e storiche. Per quanto riguarda gli aneddoti ne racconto uno che in particolare ricordo bene: l’anno scorso un ragazzo, che ha conosciuto una ragazza durante una delle mie escursioni, quella naturalistica, le ha fatto la proposta di matrimonio tra l’applauso di tutti i presenti; quest’anno si sono sposati”.

— ora, a traino della precedente una domanda che, pur scomoda, non posso non rivolgerti: penso capiti a voi operatori della Ciprea di raccogliere da qualche turista al termine di escursioni varie in paese e fuori, oltre agli apprezzamenti, anche qualche osservazione come: bella Ustica, ma …” cosa segue abitualmente al posto dei puntini sospensivi”?

“La mia cooperativa da diversi anni si preoccupa di preparare un guest book di gradimento sulla nostra isola; posso assicurare che è sempre altamente positivo. I turisti però, alla voce <cose da migliorare> chiedono spesso “maggiore attenzione al servizio trasporto marittimo offerto spesso con mezzi non idonei e, purtroppo, con un eccessivo costo del biglietto. Inoltre pongono anche l’accento sull’eliminazione o superamento delle barriere architettoniche negli edifici pubblici e privati aperti al pubblico” …

Vittorio, la vostra è una programmazione che include contestualmente anche attività didattiche guidate con scolaresche usticesi e di terraferma, impegnate in escursioni che al divertimento abbinano anche la cultura.

“La Coop Ciprea organizza dal 2009 escursioni didattiche per scuole di terraferma e per quella di Ustica anche attraverso il PCTO (ex alternanza scuola lavoro). Questo lavoro è eseguito in maniera tale da fare interessare gli studenti divertendosi, così da riscuotere grandi successi d’attenzione, premiati da dirigenti scolastici anche con encomi personali. Tali riconoscimenti, oltre ad essere motivo di soddisfazione personale, incoraggiano a fare sempre meglio il mio lavoro e mi motivano per il proseguire lungo questa strada”.

Vittorio, ora ti rivolgo un invito: fatti una domanda (che non ti ho fatto), sempre a tema usticese, e dai a te stesso una risposta.

Vittorio, Ustica potrebbe eccellere nel panorama mondiale?

“Penso proprio di si, se attraverso la coesione puntiamo alla sua valorizzazione. Inoltre, sono convinto che se si proponesse come patrimonio dell’umanità avrebbe le sue chance grazie ai suoi beni naturali e immateriali”.

– ritengo tu sia più o meno al corrente che nell’isola da tempo vengono lanciati ripetuti appelli a trasformare in coesione tutto quanto finora nelle istituzioni comunali viene portato avanti in divisione. Sicuramente attento alle vicende dell’isola posso chiederti se pensi possa concretizzarsi questa invocazione all’unità d’intenti’

“”Se verranno portate sul tavolo delle buone proposte certamente si. Conosco diversi usticesi, esercenti in maggioranza, che hanno dei buoni propositi e che se attivati nel modo giusto possono sicuramente accendere una buona fiammella che spronerà anche altri ad essere sempre più coesi. Basta trovare la chiave giusta attraverso le persone giuste”.

Vittorio, ed ora la consueta sotto-rubrica conclusiva “Via col…vanto”. Casualmente ti trovi nell’occasione di dover, appunto, vantare ad altri l’isola di Ustica; quali parole spenderesti?

“Per quanto mi riguarda vanto la mia isola da quando sono nato ed ancor di più lo faccio giornalmente e dettagliatamente a motivo della mia professione. Non trovo gioia più grande che narrare le bellezze della mia isola. Ma Ustica non ha neanche bisogno di essere vantata perché si fa apprezzare ed amare non appena la si conosce, attraverso le sue bellezze naturalistiche. Ricordiamo infatti che è la prima Area Marina Protetta d’Italia ed ha uno dei cieli più limpidi della nostra nazione. Per non parlare della sua quiete e l’ottima accoglienza che si offre al turista, per cui non può non essere meta preferita da ogni visitatore che ne è alla ricerca. La nostra isola è un paradiso”.

Con rammarico concludo la mia settimanale “chiacchierata” con Vittorio Arnò, non senza ringraziarlo per la piacevole compagnia che mi ha fatto e aggiungo: non occorrono, ma nel caso occorressero prove della professionalità con cui Vittorio conduce l’attività basterebbe riportare gli apprezzamenti che ogni volta gli vengono esternati a fine percorso o scorrere le numerose recensioni che puntualmente vengono postate sul suo spazio social dagli escursionisti al seguito al rientro dalle vacanze; ne cito alcune, proprio una minima parte: esperienza meravigliosa”, “puro divertimento”, “escursioni piacevoli e interessanti”. Letto in particolare il simpatico aneddoto raccontato da Vittorio in conclusione invito la Coop Ciprea a prendere in considerazione per la prossima stagione estiva il lancio di questo slogan pubblicitario oltretutto “acchiappa single“; <Ustica è un’isola molto bella; sole, mare, natura; si può trovare pure l’anima gemella> .

Mario Oddo
odmar@libero.it

 

 

 

2 risposte

  1. Egr. direttore testata giornalistica Usticasape,
    Egr. Sig. Pietro Bertucci,
    Egr. Sig. Mario Oddo,

    Caro Vittorio Arno’ e chi ha frequentato il corso insieme a noi due, al termine del quale era previsto la costituzione di UNA UNICA Cooperativa,

    in particolare vorrei rivolgermi a
    Caterina Palmisano, Rosalia Amato e Angelo Russo;

    e cio’ per fare alcune dovute precisazioni, considerazioni, dovuti complimenti… lecite critiche e non solo.
    – Precisazioni :
    Come gia’ accennato, al termine del corso, frequentato da circa 12 (forse meno, forse piu) ragazze/i, vorrei ricordare all’amico Vittorio che a fine corso, durante una riunione tenutasi nell’Aula del Consiglio comunale, in presenza di Giacomo Lo Schiavo, e ANCHE di VOI 4 (Tu, Caterina, Rosalia e Angelo) si e’ tenuta la votazione per eleggere il Presidente della Cooperativa che a poco si doveva registrare presso uno studio notarile.

    Come ben sai, io sono stato scelto come futuro Presidente…senza ovviamente i SOLI vostri 4 voti!
    Essendo in estate (credo Agosto) e approfittando della presenza ad Ustica della Notaio Sig.ra Tolomeo, decidemmo di prendere un appuntamento per poi recarci a casa sua.
    Dovresti ricordare che proprio per la vostra assenza quel giorno non fu possibile procedere e/o prendere nessuna altra decisione, se non quella di scusarci con la notaio Tolomeo per il disturbo e andarcene.

    Da quel giorno ebbe inizio una serie di tue/vostre iniziative che nulla di buono facevano pensare!
    Non a caso, sempre per tua/vostra iniziativa e senza mai rendere partecipi gli altri presenti all’incontro con la Sig.ra Tolomeo, avete deciso di creare la VOSTRA Cooperativa… appunto la CIPREA !
    Di conseguenza io e gli altri, credo in tutto 8-9, tra questi Rosalinda Marino in Mancuso, Vincenzo Vena, Antonino Tranchina (di Peppuccio), sua mamma Rosa Verdichizzi, la sorella di Lillo Tranchina (mi spiace, mi sfugge il nome) decidemmo di creare la nostra, “Occhi Chi nasciunu” !

    – Considerazioni :
    Non mi prolungo piu’ del dovuto perche’ neanche ne vale la pena, visto che dopo 13 anni ancora non riesci ad ammettere le tue responsabilita’ per la mancata occasione di collaborare che ci fu allora offerta.
    Lo stesso vale per Caterina, Rosalia e Angelo.
    Aggiungo solo che fu grazie a Me se tu hai preso parte al corso, visto che proprio poche ore prima che si dovevano portare all’Ufficio di collocamento quanto richiesto per poter partecipare alla selezione del corso, ti consigliai di “provarci” lo stesso, visto che non eri stato informato o mostrato interesse fino ad allora;
    ci trovavamo a casa tua, dove credo ero venuto a fare delle fotocpie o altro che adesso non ricordo.

    Evito di scrivere l’atteggiamento per nulla collaborativo, direi proprio di astio che hai avuto, nei nostri confronti successivamente alla creazione delle DUE Cooperative;
    a parte Lampedusa/Linosa che non hanno costituito nessuna Cooperativa (forse neanche il corso fu fatto) siamo stati gli unici, rispetto a Pantelleria, Favignana e Lipari a fare due Cooperative!!!

    Dovuti complimenti :
    ti ho sempre riconosciuto intelligenza, capacita’ ed impegno!
    Gia’ da quando hai iniziato a giocare a scacchi, e poi in Chiesa, al Teatro, per cio’ che hai pubblicato e tue collaborazioni, non ultimo per cio’ che riesci ad offrire da quando sei il Presidente della Cooperativa CIPREA!

    Lecite critiche e non solo :
    In passato dopo miei ripetuti appelli di chiarimenti, dopo averti piu volte invitato a confrontarci su quanto accaduto (su Usticasape dovrebbe esserci anche traccia) al fine di far sapere la Verita’ e tue dirette responsabilita’ per la mancata occasione di creare una unica Coopeativa, oltre ad esserti sempre negato, sei arrivato anche al punto di volermi (piu volte) querelare… e anche questo ad oggi non hai mai fatto sapere sulla base di cosa!
    Sicuro di NON dover essere invidioso per quanto di bello sei riuscito a realizzare e del servizio che offri alla nostra Isola,
    Ti invito ad una sincera riflessione… come sai, ad Ustica di recente ci siamo incrociati poco distanti dalla Sede della tua Cooperativa… potevo far finta di non averti visto, invece con un sorriso ho scelto di salutarti.

    Ringrazio tutti per l’attenzione,
    Colgo l’occasione per auguarVi tanta serenita’ , specie adesso, in occasione delle Feste e del Santo Natale.

    Con Amicizia,
    Jose’

  2. Salve,
    Cortesemente e’ possibile almeno pubblicare il mio commento come “Riceviamo e pubblichiamo” ?
    In fondo si tratta solo di alcune precisazioni.

    Ho evito anche di scrivere alcune verita’ scomode.

    Grazie.
    Cordiali saluti,
    Jose’

Rispondi con il tuo Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com