Ustica sape

 SU ”L’ODDO VOLANTE”  SI FA “MARE FEST”. OGGI SU E GIU’ CON … ANNA RUSSOLILLO..


Graditissima ospite della odierna rubrica è Anna Russolillo. Non ha certo bisogno di presentazione ma una particolare mi piace farla,, esattamente: “la campana del Villaggio”; “la campana” in quanto originaria della Campania; “del Villaggio” beh, è fin troppo chiaro il riferimento a quella sua “creatura” che da anni continua ad essere in Sicilia il Villaggio Letterario di Ustica. Campania e Sicilia, che, come spesso tiene a sottolineare, sono parimenti nel suo cuore. Volutamente ometto titoli vari e ruoli presenti nel suo corposo biglietto da visita; mi piace presentarla in questa forma criptica (ma non troppo) che, da persona di spirito qual’è, sono certo gradirà accogliendola magari con un sorriso. Ma oggi accanto a entrambi registro una terza, o meglio, mi correggo, la primaria presenza, purtroppo solamente ideale, di Sebastiano Tusa. Ultima “fatica” di Anna dedicata alla sua memoria in quanto, è storia, tutto prende il via proprio da una originaria quanto straordinaria idea del mai abbastanza compianto “Professore”. Ho il piacere di avere in mia compagnia Lei che quell’idea ha raccolto, sviluppato e realizzato. Volentieri ne parla qui.

Anna, a prima lettura “Vietato non toccare” appare come un insolito invito a comportarsi all’esatto contrario di quanto viene abitualmente raccomandato in determinate occasioni. Creato non per caso in realtà è uno slogan che racchiude una narrazione che proprio perché parte da un ben individuato luogo non può che iniziare: “tutto cominciò da Ustica”.

“Mario, innanzitutto voglio ringraziarti per questa intervista. Partiamo dallo slogan “Vietato Non Toccare”. Tutto è cominciato da Ustica e dall’iniziativa del compianto Sebastiano Tusa che – nell’ultima serata di Villaggio Letterario del 2018 prese l’impegno con i ragazzi ciechi e ipovedenti del Campus Sicilia IRIFOR guidato dal Presidente Regionale UICI prof. Gaetano Minincleri – ebbe a dire: « … i non vedenti e ipovedenti della Sicilia avranno presto un’opportunità di apprendimento in più; andando a visitare i musei, potranno toccare direttamente con le mani alcune opere d’arte o archeologiche in modo tale da recuperare con il tatto ciò che la vista non può loro offrire….». Ecco così è nata la rassegna “Mare Fest. Vietato Non Toccare” con Leonardo Sutera Sardo in memoria di Sebastiano Tusa”.

– Giunto al termine, questo progetto può compiutamente definirsi <pluridisciplinare> dal momento che a numerose scolaresche è stata data la possibilità di accedere facilmente ai beni culturali, siano essi antichi musei o moderni laboratori e che bambini ipovedenti o non vedenti sono stati messi nella condizione di “vedere” reperti e “leggere” libri.

“Pluridisciplinare sicuramente. A partire dalle numerose attività culturali e dai diversi laboratori curati da tiflologi, artisti, biologi marini, pescatori, subacquei, archeologi subacquei, scrittori, che hanno creato la base conoscitiva e il contesto ispiratore per la realizzazione del più importante dei laboratori, ossia quello dei libri tattili ecologici e fino al “Vietato Non Toccare” al Museo Archeologico dei Campi Flegrei. Voglio ricordare che le iniziative del 2022 si sono tenute fra l’Istituto Cs. Pergolesi di Pozzuoli e il Castello di Baia e voglio anche ricordare i bambini e le docenti delle edizioni passate dell’Istituto Leonardo Sciascia di Palermo e i bambini utenti dell’Istituto Florio e Salamone di Palermo, le tappe al Polo d’Arte Contemporanea Museo Riso di Palermo, al Chiostro dei Cappuccini a Mazara e al Farm Cultural Park di Favara”.

Anna, in questa Rassegna essenziale è stato il ruolo di voi curatori, degli organizzatori, il supporto dello staff scientifico, di collaboratori vari, un insieme di alte e specifiche professionalità.

“Assolutamente essenziale. Insieme a Nando Sutera e a tantissimi amici stimati professionisti abbiamo fatto squadra, a partire dalla madrina della manifestazione Lidia Tusa”.

 sbaglio se presumo che fin da ora, stai già pensando a cosa far bollire nella “pentola” <Ustica Villaggio Letterario, estate ‘23>?

“Sì certamente, ma ovviamente stiamo pensando, con Franco Foresta Martin, Nando Sutera Sardo, Maria Concetta Cusimano, con le istituzioni e le associazioni culturali a un’altra bella estate all’insegna del mare, dell’archeologia e della inclusione!”

Anna, per consuetudine in questa rubrica coinvolgo l’ospite in una variante rispetto al tema principale, rappresentata dalla domanda: : nell’isola da tempo vengono lanciati ripetuti appelli a trasformare in coesione quanto ad oggi dai rappresentanti delle istituzioni comunali viene portato avanti in divisione. Sicuramente distante ma non per questo, presumo, non del tutto disattenta a vicende usticesi posso chiederti se pensi possa concretizzarsi questa emergente invocazione all’unità d’intenti’?

“Sono molto attenta alla mia seconda patria Ustica e credo che l’unità di intenti possa concretizzarsi con azioni, cognizioni e solidarietà”.

Ed ora la sotto-rubrica conclusiva “Via col…vanto”. Casualmente, ma sicuramente ti sarà già capitato, ti trovi a dovere appunto, vantare ad altri che non la conoscono l’isola di Ustica; con quali parole in particolare ti spenderesti?

“Magica l’isola , magico il mare e magici gli abitanti”.

Succede sempre che dispiace quando per fine “volo” arriva il momento di concludere la “chiacchierata” e congedare l’ospite; identica sensazione oggi non posso non provare verso Anna Russolillo che ringrazio moltissimo innanzitutto per il tempo che mi ha cortesemente dedicato. Che dirle poi se non aggiungere anche il mio ringraziamento, e sicuramente quelli di chi ci legge, ai tantissimi che sicuramente ha ricevuto per quanto realizzato in sinergia con prestigiose professionalità. Anna Russolillo concorderà sicuramente quando affermo che se potessero parlare i reperti di terra e marini sparsi nei musei e sotto l’acqua sarebbero i primi a dichiararsi strafelici del non divieto a toccarli, dal momento che è proprio questa innovatrice azione tattile che consente a bambini  di entrare in contatto in un mondo finora loro precluso. “Mare Fest, Vietato non toccare” (servizio in onda su Rai 2 il 17 novembre 2022 alle ore 13.30) è stato un lodevolissimo e riuscito progetto all’insegna di unione, condivisione, solidarietà, concluso il quale già sicuramente pensiero al prossimo … vero Anna?

E’ già pronto/a un ospite a salire prossimamente su <l’Oddo volante>. Seguite <Usticasape> e scoprirete chi sarà.

Mario Oddo
odmar@libero.it

Rispondi con il tuo Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Buon Compleanno

A Pietro Taranto a  Maria Arnò i migliori Auguri di Buon Compleanno ^^^^^^^^^^^^^ Oggi si festeggia S. Bibiana Auguri a tutti coloro che festeggiano il

Read More »