Alcuni suggerimenti al Sindaco di Ustica


Lettera aperta al Sindaco di Ustica

 

Rispettabilissimo Sindaco Salvatore Militello,

Vorrei ringraziarla per gli sforzi fatti per vaccinare la popolazione Usticese e per aver lottato personalmente per rientrare nel possibile piano Isole Covid Free.

Sicuro del successo della sua iniziativa vorrei ricordarle che una volta attirati i turisti qui ad Ustica dobbiamo anche offrirgli il meglio che abbiamo da offrire..

Guardare i tramonti, andare al museo e fare immersioni é meraviglioso ma non sufficiente per una vacanza indimenticabile.

A questo proposito mi permetto di farle una breve lista non esaustiva di punti a nostro avviso importanti (nell’improbabile caso in cui alcuni di essi le possano essere sfuggiti):

  1. Cala Sidoti sarà ancora vietata?
  2. La discesa al faro sarà riaperta?
  3. I percorsi pedonali del boschetto saranno aperti?
  4. Il molo lato villaggio dei pescatori a cala santa Maria sarà riparato?
  5. La spiaggia cala Santa Maria sarà sgomberata dalle barche e dalle carcasse e ripulita?
  6. La spiaggetta al faro sarà ripulita dai blocchi di cemento e resa accessibile al publico?
  7. Sarà ripristinato il servizio di guide archeologiche con la golf car 8 posti?
  8. Il Castello Saraceno sarà aperto al pubblico con o senza guida?
  9. Le numerose discese a mare saranno ripristinate con cemento nero o/e pietra locale a spalmatore ma anche al gorgo salato?
  10. I campi sportivi saranno ripuliti e resi accessibili al pubblico?
  11. Gli autobus potranno scendere al porto o al molo alternativo agli arrivi/partenze dei mezzi di trasporto?
  12. La strada di accesso al parcheggio dell’ailanto sarà accessibile ai veicoli?
  13. Sarà instaurato un servizio degli autobus dal parcheggio comunale (sgomberato da mezzi comunali, camion e relitti varii) fino in piazza?
  14. Sarà rispettata la zona pedonale al centro della piazza dagli autobus che devono effettuare corse separate fra il porto e la piazza e fra il parcheggio/campagna e la piazza?
  15. Avremo abbastanza autisti per assicurare con orari estesi tutte le corse degli autobus necessarie e potenziate dal distanziamento sociale?

Mi metto personalmente a disposizione suo e della nostra comunità per partecipare nella preparazione di questa stagione 2021.

Cordialmente
Antonio Bruno Tanas
3317120161
Membro del
Comitato per lo sviluppo economico e sociale di Ustica

 

Accoglienza – ultimi suggerimenti


[ id=15585 w=320 h=240 float=center]

Suggerimenti dalla California


from Marlene Robershaw (Manfré) 

I am reading in Usticasape alot of concern to have an alternate port at the Spreader Tip. I also see there might be a new councellor, Dr. Mistretta. It seems that he would be in charge of encouraging tourism for the Island.

Ustica really needs someone to specialize in the need to make it easier for tourists to come and enjoy the Island.

1. the first problem, as so many of you have mentioned, is just getting to and from the Island. That is really MAJOR problem. My son and I sure experienced that when trying to visit in 2010 !! An alternate port would sure help on those many days when the weather prevents landing at Cala Santa Maria.

2. There is a big need for tourists to even be able to find where to buy tickets in Palermo and also where the boat will dock. The Port Authority office didn’t even know that fact in 2010.

3. Publications are needed in the Palermo Hotels with a phone number and address of the ticket office. We stayed in a very nice hotel, Hotel Tonic, and they had no clue as to where the ticket office was or the boat. They helped us find a phone number thru information, but it did not work.

4. Next year when I am hoping to return to Ustica, I will have the help of my newly found cousins to find the boat. But not everyone will be that lucky.

I , along with you that live in Ustica, or have grown up there and really care for the island, truly hope things can improve.

———-

Da Marilena Robershaw Manfrè 

Sto leggendo su Usticasape molti suggerimenti in merito ad un attracco alternativo a punta Spalmatore. Ho anche notato che probabilmente sarà nominato un nuovo assessore, Dr Mistretta, il quale sarà in carica per incoraggiare il turismo nell’isola.

Effettivamente Ustica necessita di una risorsa che sia veramente preparata nel rendere piu’ semplice giungere l’isola e viverla (goderla).

Il 1° problema come già menzionato piu’ volte, è poter arrivare e partire dall’isola. Ciò è veramente uno dei piu’ grandi problemi: io e mio figlio lo abbiamo sperimentato quando tentammo la visita nel 2010!!

Un attracco alternativo sicuramente potrebbe essere utile nei giorni in cui le condizioni meteo avverse rendono impossibile l’attracco in Cala Santa Maria.

2° Vi è anche la necessità per i turisti di poter conoscere dove acquistare i biglietti nella città di Palermo e dove la nave in questione attraccherà; difatti nel 2010 l’Autorità Portuale, in quell’occasione, non era in grado di informare l’utente.

3° Gli Hotels di Palermo necessiterebbero di depliants informativi con indirizzi e numeri telefonici delle biglietterie.
Abbiamo soggiornato in un bel Hotel, l’Hotel Tonic, e il personale non aveva nessuna idea di dove fosse la biglietteria o la nave.
Essi ci aiutarono a trovare un numero telefonico attraverso informazioni , ma fu negativo.
Il prossimo anno, spero di tornare ad Ustica, e, per quanto riguarda la nave sarò indirizzata dal mio ritrovato cugino, ma non tutti hanno la stessa fortuna.

Io spero che le cose possano cambiare, insieme a voi che vivete l’isola, a coloro che l’hanno vissuta, a tutti coloro cui realmente interessa il bene dell’isola.

^^^^^^^^^^

COMMENTO:

Personalmente non posso che approvare in pieno cio’ che scrive sul punto 1. la sig.ra Marlene Robershaw ( da nubile Marchese da Palermo con nonna Manfre’ di Ustica ). Marlene e’ stata ad Ustica l’anno scorso con il marito e il figlio Tom che gioca al calcio ed e’ tifoso fra l’altro della squadra di Calcio di Ustica e del Napoli, e ci ritornera’ l’anno venturo, ha ospitato la Riunione Usticesi del West Coast nella sua casa a Ramona ( San Diego ) quando erano presenti più di 80 persone fra cui Pietro Bertucci, la moglie Pina, Maria Compagno, Chris Caravella e moglie, Lorella Bareillou e altri provenienti dalla Lousiana e dall’Oregon. Su questo sito sulla destra esiste un link ” Riunione San Diego” con molte foto relative al meeting. Con Marlene ci sentiamo molto spesso via e-mail e il soggetto degli scambi di solito e’ Ustica. Siamo meravigliati nell’apprendere questo stato di fatto che danneggia non solo gli usticesi mettendone in pericolo in casi di urgenza la loro incolumita’ fisica e prospettive di lavoro, ma anche il turismo perche’ se ad Ustica non c’e’ la garanzia del collegamento la voce si sparge…..il paradosso e’ che 30 anni fa non era cosi perche’ si usavano gli attracchi alternativi e al massimo in inverno si aveva un giorno al mese di completa isolazione e non dieci ( 10 ) o piu’ giorni al mese per come succede oggi……Il problema forse e’ che chi vive nell’isola si e’ abituato e accetta con rassegnazione e fatalismo, ma chissa’ come l’accettano i turisti ? La domanda da cento milioni: E’ possibile affrontare la fattibilità di un attracco alternativo a Punta Spalmatore? Certamente questa è una domanda che poniamo al Sindaco o a chi per lui.

 

 

 

 

Un Suggerimento per gli addetti ai lavori


Domenica 31/07/11 ore 21,30 scendevo, per la scalinata via V. Emanuele, (scalinata al buio menzionata da mio zio Ninì Caserta, consigliere comunale) per recarmi al Santo Rosario che si celebra ogni Domenica. D’avanti a me due Signore, una tira fuori una torcia elettrica per fare luce,la ringrazio di ciò, e mi dice che l’ha dovuta comprare perché scende e sale per la via Torre S. Maria, anche questa al buio per il 90%. Mi dice che se le capiterà qualche incidente, a causa della strada al buio, non esiterebbe a denunciare il Comune e il Sindaco. Mi chiedevo mentre scendevo, se qualcuno fosse caduto nel precipizio che si trova in quella gradinata, proprio sotto l’Hotel Ustica Residens, visto che c’è solo un corrimano a protezione e per giunta basso, allora si che sarebbero cavoli amari per i responsabili. Intanto, nello spirito di collaborazione, offro la mia disponibilità a cambiare la lampada, se il comune me la fornisce, visto che ho fatto quel lavoro per 25 anni.

P.S. Di fronte a quel punto luce abita una Signora anziana che potrebbe trovare difficoltà ad uscire da casa la sera per mancanza di illuminazione.

Vincenzo Caserta

 

Dalla California Agostino Caserta – “Fra il dire e il Fare…”


” Fra il dire e il fare c’e’ di mezzo il mare ….” Per come avevamo menzionato e previsto all’inzio del torneo la squadra Asd Ustica non e’ solo calcio ma e’ un fatto sociale, un mezzo per estendersi e comunicare con il mondo. Si era visto qualche settimana fa con il Montelepre e oggi al porto di Palermo il Sindaco Messina ,in veste di “padrone di casa”, ha riservato ai godranesi una bella accoglienza e il confronto ed eventuale gemellaggio sportivo con il Godrano sembra solo rinviato; il calcio così diventa un’ occasione per allargare le conoscenze, connections, incrementare il turismo, iniziare anche qualche amicizia e la presenza dei due Sindaci nel programma ha influito a mitigare la delusione dei tifosi godranesi che ci tenevano a visitare Ustica. Dal canto loro ad Ustica, sicuramente, si stavano già preparando per ospitare l’evento nel miglior modo possibile ma il cattivo tempo ha frenato tutto, perché nelle isole : ” Fra il dire e il fare c’e’ di mezzo il mare …..”. Questa volta madre natura non ha aiutato e nessuno ha il controllo sul ” mare lungo ” ma non bisogna trascurare le cose di cui abbiamo il “controllo” : e’ un peccato che i mezzi di collegamento marittimi non includono, specie in queste occasioni, una corsa di ritorno a Palermo di sera o nel tardo pomeriggio in modo che i giocatori e sostenitori e turisti abbiano il tempo di fare il giro dell’isola in bus, visitare il paese, fermarsi in un ristorante e magari comprare qualche souvenir….