Ustica Trasporti: l’uovo di Colombo…


 

 

Ex Candidato Sindaco

 

COLLEGAMENTI MARITTIMI:  ancora dopo 1 anno ci ritroviamo a ri-discutere sugli orari dei collegamenti tra Ustica e Palermo.

La manifesta incapacità di chi ci amministra è palese allorquando si cerca con i “dieci minuti in più o in meno” sulla tabella oraria  di far quadrare il cerchio.

Oramai i danni sono fatti ed il problema diventa di difficile soluzione per quello che sia ha a disposizione: sicuramente non si potrà accontentare tutti, si possono solo lenire i disagi al minimo ma certamente non è con quello che l’amministrazione ha richiesto che ciò potrà avvenire.

“La coperta corta” è notorio che lascia sempre una parte scoperta !

La presa in giro di “garantire” alcuni servizi sociali facendo figurare sulla carta determinati orari piuttosto che, in maniera coscienziosa, affrontare il problema sapendo che ciò che viene previsto non sarà certamente mantenuto, è un modo scorretto di affrontare il problema.

Il problema c’è e purtroppo rimane.

La partenza dell’aliscafo da Palermo alle ore 08,20 ( questa è la nuova richiesta comunale) serve solo a giustificare un orario di arrivo ad Ustica di “buona mattina”;  ma mi chiedo e vi chiedo come fa un aliscafo (sulla carta) ad arrivare a Palermo alle 08,00 (mare permettendo), ormeggiare, sbarcare i Passeggeri, disormeggiare, ormeggiare per il bunker, fare il bunker, disormeggiare dal bunker,  trasferirsi in banchina per l’imbarco dei Passeggeri e ripartire, il tutto in soli 20 minuti.

E’ praticamente impossibile: ci prendiamo solamente in giro !

Anche l’anno scorso sulla carta avevano proposto degli orari secondo i quali l’aliscafo non avrebbe mai fatto bunker … orari successivamente modificati con la partenza da Palermo alle ore 08,45

E sapete quante volte l’aliscafo è partito a quell’ora ? Quasi mai … l’arrivo ad Ustica era sempre tra le 10,40 e le 11,00 . Le statistiche non mentono e sono facilmente da tutti consultabili.

Non sto scrivendo per raccontarvi il passato che conoscete come me,  ma per proporvi una soluzione.

Se seguite il mio ragionamento vedrò di sottoporvela.

Le categorie interessate ai collegamenti ( oltre a noi residenti nell’isola e la nostra continuità territoriale) sono i medici per le visite specialistiche, gli insegnanti ed i pendolari in genere.

Cosa è  successo dopo lo sconvolgimento delle frequenze dei mezzi e degli orari ?

E’ successo che non abbiamo più avuto una partenza presto da Palermo ( era alle ore 07,00 servizio regionale del catamarano) e quindi notevoli ritardi se non soppressione delle visite specialistiche e disagi all’Utenza sanitaria laddove venivano effettuate le visite/prelievi dopo le ore 11,00

Come possiamo ovviare ?

Possiamo ovviare semplicemente invertendo i capolinea dei mezzi impiegati.

( ragioniamo su cosa avremo il 1° di aprile).

Al 1° aprile, abbiamo un aliscafo che pernotta ad Ustica ed un catamarano che pernotta a Palermo: il servizio dell’aliscafo – dopo lo sconvolgimento – è previsto con una sola corsa giornaliera e quello del catamarano con due corse giornaliere.

Ora, invertiamo i capolinea: il catamarano sosta notturna ad Ustica, aliscafo sosta notturna a Palermo.

Il problema che potrebbe nascere da tale cambio è la “sicurezza del porto” per un mezzo HSC

Anche questo  potrebbe essere risolto;  è già stato fatto in passato con la sosta ad Ustica dell’aliscafo “Platone” mezzo HSC. Certamente le professionalità della Compagnia di navigazione risolverebbero con la Capitaneria di porto di Palermo tale evenienza,  così come già avvenuto in passato.

Ecco cosa avremmo con tale programmazione: (vedi file allegato con itinerari orari proposti) avremo ripristinati i collegamenti e frequenze quasi alla vecchia maniera,  anzi una partenza da Palermo ( ore 11,00)  che mi sembra anche migliorativa rispetto a quelle già avute.

Ed il tutto sino al 30 di giugno.

Praticamente stesse corse e stessi mezzi, con risultati sicuramente migliori.

Data la soluzione speriamo che almeno questa volta l’amministrazione comunale, a differenza del passato che non ha recepito i suggerimenti,  la faccia propria e finalmente risolva in parte il problema trasporti dai quali dipendono sia il nostro vivere sociale sia il nostro futuro lavorativo.

Lascio a voi tutte le altre considerazioni del caso.

Lancio l’idea, desidero leggere i Vostri pareri e proporrò al gruppo di minoranza di chiedere un Consiglio Comunale straordinario urgente per dibattere la questione e proporre alla Regione la modifica dei capolinea dei mezzi al fine di risolvere il problema.

Salvatore Militello

Download (PDF, 161KB)

^^^^^^^^^^^^^

COMMENTO

Da Ustica Gigi Tranchina

OTTIMA PROPOSTA

^^^^^^^^^^^^^^

Dalla California Marlene Robershaw Manfrè

Salvatore Militello is a problem solver !!!  Hope he runs for Mayor again, and WINS. Usticesi need to act more than talk !! vote for a Mayor that is better than what you have now !!!!  Marlene Robershaw, Manfre (a citizen of Palermo.)

Salvatore Militello è un risolutore di problemi !!! Spero che corra di nuovo per il sindaco e VINCE. Usticesi deve agire più che parlare !! votare per un sindaco che è meglio di quello che hai ora !!!! Marlene Robershaw, Manfre (una cittadino di Palermo.)

2 thoughts on “Ustica Trasporti: l’uovo di Colombo…

  1. Salvatore Militello is a problem solver !!! Hope he runs for Mayor again, and WINS. Usticesi need to act more than talk !! vote for a Mayor that is better than what you have now !!!! Marlene Robershaw, Manfre (a citizen of Palermo.)
    Salvatore Militello è un risolutore di problemi !!! Spero che corra di nuovo per il sindaco e VINCE. Usticesi deve agire più che parlare !! votare per un sindaco che è meglio di quello che hai ora !!!! Marlene Robershaw, Manfre (un cittadino di Palermo.)

Rispondi con il tuo Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.