Dalla California – Commento Agostino Caserta


[ id=5725 w=90 h=140 float=left]Sono sicuro molti si ricordano : 40 anni fa ad Ustica bambini e ragazzini , dopo le ore scolastiche e avere fatto i compiti, spendevano il resto della giornata sottoponendosi involontariamente ad intense attivita’ fisiche al palchetto o altrove giocando a calcio, baseball, ai compagni, alla guerra, al fazzoletto, a muffa, ecc…ecc… Oggi invece i giovani dedicano un piccolo stralcio di tempo ai giochi di cui sopra e molto ad esercitazioni digitali con playstation e tastiere di telefonini e portatili . Non e’ piu’ come prima.

Bisogna anche ricordare che 40 anni fa le palestre non erano alla portata di squadre dilettanti e non erano disponibili in piccole cittadine o paesi e di conseguenza tutti gli atleti o giocatori dilettanti erano sullo stesso piano, ma oggi chiunque gioca al calcio o pratica sport attivo, anche in piccoli centri, ha la facolta’ di andare in palestra, almeno 2-3 volte la settimana e li e’ possibile allenarsi e fare esercizi specifici. Non c’e’ nessun dubbio che gli atleti che non hanno la possibilita’ di frequentare la palestra, perche’ nel loro paese non esiste, hanno qualche svantaggio.

Se si considera inoltre che i giocatori dell’Asd Ustica non solo sono stati lontani da campionati a livello Federale per 10 anni ma ,durante questo periodo, non hanno giocato nanche al Calcio bensi al Calcetto, allora si puo’ capire benissimo che bisogna avere pazienza, e non si possono che avere parole di elogio per questi ragazzi e tutta la societa’, che, a parte le due partite disputate fuori casa, hanno tenuto il campo abbastanza bene e sono arrivati vicinissimi al risultato positivo.

La partita di domenica vede di fronte un avversario, Parrocchia San G.Battista, contro cui bisognera’ giocare con una mentalita’ molto positiva perche’ in trasferta bisogna trasformarsi, fare il salto, ed essere aggressivi. Dopotutto la squadra di Borgo Nuovo ha una difesa vulnerabile con un attacco meno prolifico del nostro. Ma le partite sono tutte una lotta, bisogna impegnarsi vigorosamente ed essere concentrati, mai sottovalutare e affrontare l’avversario con determinazione ma anche molta umilta’. Questa e’ la migliore alchimia di successo. L’allenatore Vena in difesa da sicurezza al reparto e potrebbero rientrare anche Basile e Caserta da infortuni. I veterani sono una base. Ci sono i nuovi talenti emergenti. Con Crocetti Carini il centrocampo avra’ qualita’ in interdizione e fantasia e in attacco c’e’ sempre chi segna , quindi ci sono tutti i presupposti per assistere ad una bella partita all’ultimo respiro, lottata ed entusiasmante che fara’ divertire il pubblico; Signori miei, lo spumante e’ sempre pronto.

Rispondi con il tuo Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.