Ustica sape

L’abbandono dei rifiuti è diventato reato penale


Il 10 ottobre è entrata in vigore la legge 137/2023 che stabilisce l’applicazione di un’ammenda penale – e non più di una sanzione amministrativa – nel caso di abbandono rifiuti compiuto da soggetti (semplici cittadini) che non sono titolari di imprese o responsabili di Enti.

“In base a quanto stabilito dalla nuova legge “chiunque abbandona o deposita rifiuti ovvero li immette nelle acque superficiali o sotterranee è punito con l’ammenda 1.000 a 10.000 euro (in precedenza, la norma prevedeva una sanzione amministrativa pecuniaria da 300 a 3.000 euro).
Se l’abbandono riguarda rifiuti pericolosi, la pena è aumentata fino al doppio.  La disposizione si applica, fatta salva la disposizione che prevede l’arresto e/o l’ammenda fino a 26.000 euro, per i titolari di imprese ed i responsabili di Enti che abbandonano rifiuti”.

Sono state inoltre precisate le aggravanti per inquinamento ambientale e disastro ambientale in area protetta o vincolata. Inasprite pure le pene per incendio boschivo sia colposo che doloso: ora il reato è sanzionato con la reclusione da sei a dieci anni nella fattispecie dolosa, e da due a cinque anni nella fattispecie colposa. Ancora, gli ecoreati sono stati inseriti nella lista dei delitti per i quali è prevista la confisca allargata in termini di denaro, beni e altre utilità, ed infine è stata estesa la protezione della fauna selvatica.

Questa legge è un impegno tangibile nei confronti di un ambiente più pulito e sostenibile ed è la dura risposta dello Stato nei confronti di chi non intende adeguarsi alla tutela dell’ambiente usando la buona regola della convivenza civile.

Vogliamo dare risalto a questo tema importantissimo da applicare anche per la nostra bella Isola.

Attenzionando e sensibilizzando anche i piccoli gesti quotidiani – come l’abbandono di mozziconi e piccoli rifiuti come bottiglie, carta, tappi ecc. – sarebbe utile a far crescere una cultura ambientale nei cittadini, consapevoli che ogni piccolo gesto può fare la differenza.

PB

 

Rispondi con il tuo Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.