Riceviamo e pubblichiamo – Il Presidente Mattarella: “Palermo punto di riferimento per il Paese”


Download (DOCX, 75KB)

 

Palermo, Vie dei Tesori: un itinerario nella città sotterranea. Palazzo Asmundo domenica apre gratis


Le Vie dei Tesori: la Palermo sotterranea di miqveh, rifugi, catacombe e cripte Palazzo Asmundo apre gratis domenica grazie al Gioco del Lotto Concerto elettroacustico domenica alle 11 al SS.Salvatore

PALERMO. Per Le Vie dei Tesori ognuno può scegliere il suo itinerario, tra novanta siti aperti. Chi preferisce i salotti nobiliari, chi visita un museo, chi si perde nel verde dei giardini. Ma c’è anche una città sotterranea che ha visto sovrapporsi le culture: è la Palermo del Miqveh, per esempio, l’unico bagno rituale rimasto dell’antica Giudecca: è a Palazzo Marchesi, aperto dalle 10 alle 17,30. Ma è anche la città che rispettava i suoi morti attraverso i secoli: così i Serpotta lavorarono sia nella cripta del Carminello che nell’impressionante cripta della dell’oratorio della morte in Sant’Orsola, un tripudio di teschi marmorei e croci, figure di scheletri e anime purganti, tra cui i membri della Compagnia dell’Orazione della morte o dei Continue reading “Palermo, Vie dei Tesori: un itinerario nella città sotterranea. Palazzo Asmundo domenica apre gratis”

Bellissima foto dei “quattro Canti” della città di Palermo scattata dal centro della Piazza verso l’alto


Quattro, canti, Palermo
Quattro, canti, Palermo

Sport: L’unione fa la forza alla UISP nasce la “LA MIA CITTA’ PER SPORT”.


 

CO M U N I C A T O 

Sport: L’unione fa la forza alla UISP nasce la “LA MIA CITTA’ PER SPORT”.Palermo.  Si svolgerà domani (20 febbraio 2015) a Roma presso il CNOS l’incontro  di tutti i Comitati UISP del Sud Italia per presentare il nuovo progetto nazionale UISP denominato
“LA MIA CITTA’ PER SPORT”.

A rappresentare il Comitato Provinciale UISP di Palermo  sarà Mimmo Piombo, durante l’incontro  i responsabili nazionali UISP presenteranno accuratamente la nuova iniziativa  UISP che vede   Vivicittà e Bicincittà unire le forze nel 2015:  “La mia città x sport” è una nuova idea Uisp, un modo di vivere e di comunicare due storiche manifestazioni nazionali Uisp.

VIVICITTA’ e BICINCITTA’ mantengono le loro caratteristiche originarie e in più diventano lo striscione di PARTENZA (12 aprile 2015, data centrale di Vivicittà) e di ARRIVO (10 maggio 2015, data centrale di Bicincittà) di un nuovo circuito nazionale Uisp della durata di un mese. Fatto di sportpertutti, prima ancora che da una disciplina sportiva. La corsa podistica si mischia e si allea alla bicicletta, si apre alla contaminazione con nuove attività da vivere in città, dal pattinaggio al parkour. Un progetto (una campagna, un circuito…) lungo UN MESE dove i Comitati territoriali Uisp saranno protagonisti e potranno valorizzare le loro capacità creative e le vertenze sportive/ambientali all’interno di un contesto omogeneo. Vivicittà il 12 aprile segnerà l’apertura de “La mia città per sport” mantenendo tutte le sue caratteristiche peculiari (contemporaneità, compensazioni, classifica unica). Bicincittà chiuderà il 12 maggio questo mese del movimento. In mezzo auspichiamo tanto altro: nuove iniziative sportive, workshop, incontri pubblici sui temi dello sportpertutti e della sostenibilità ambientale, dei diritti e della salute. “La mia città x sport” diventa un perimetro attraverso il quale l’Uisp valorizza la sua identità e la pone all’attenzione della politica, delle istituzioni e dei media.   I temi al centro di questo progetto saranno: Il consumo di territorio (cementificazione , letti dei fiumi,…) , la mobilità sostenibile (camminare, andare in bici, …..),  lo stile di vita attivo. La città rappresenta il nodo intorno a cui si intrecciano e si dipanano le emergenze ambientali, sociali e culturali del nostro tempo e contemporaneamente  lo scenario di soluzioni possibili.  I compiti dei Comitati territoriali  Uisp partecipanti saranno quelli di  riuscire a creare una  “contaminazione” tra le due iniziative uscendo dallo specifico di ciascuna delle due,  dare vita ad iniziative di “mobilità dolce” durante questo intervallo di tempo, attività che vanno da gruppi di camino a escursioni, a pedalate cittadine in bici, etc…….  ed infine di documentare attraverso foto e filmati realizzati dai partecipanti al mese di attività  le criticità ambientali.

IL COUPA

 

Interrogazione consiliare Gruppo Minoranza: Città Metropolitane


[ id=19662 w=320 h=240 float=left]
[ id=19663 w=320 h=240 float=left]

Città metropolitane: i sindaci non ci stanno


Città metropolitane: i sindaci non ci stannoNon permetteremo la morte della storia e cultura dei nostri Comuni.

Si e’ svolto oggi, a Bagheria, un primo incontro dei sindaci contrari al disegno di legge proposto dal presidente della Regione Siciliana Rosario Crocetta.

Hanno partecipato alla riunione svoltasi stamani a villa Branciforti Butera, sede istituzionale del Comune di Bagheria, il primo cittadino della citta’ delle Ville, Vincenzo Lo Meo, il sindaco di Monreale, Filippo Di Matteo, quello di Villabate, Francesco Cirrito, promotori dell’incontro ed i primi cittadini di Ficarazzi, Paolo Martorana, di Altavilla Milicia, Nino Parisi, di Altofonte, Antonino Di Matteo, di Cinisi,Salvatore Palazzolo, gli assessori del Comune di Casteldaccia, Annamaria La Spisa e di Terrasini, Norino Ventimiglia, l’assessore al Bilancio del Comune di Bagheria, Antonino Sciacchitano e la presidente del Consiglio comunale di Bagheria, Caterina Vigilia.

A seguire da lontano, aggiornandosi telefonicamente anche il sindaco di Ustica, Attilio Licciardi che ha appoggiato l’iniziativa dei colleghi.

I sindaci presenti hanno sottoscritto Continue reading “Città metropolitane: i sindaci non ci stanno”

Incontro con Vincenzo Prestigiacomo – giornalista e scrittore


[ id=18644 w=320 h=240 float=left] È stato  presentato ieri alla libreria “Punto e Virgola” di Ustica il libro “La città si risveglia fascista”, edizioni Nuova Ipsa, 2012.
Il libro racconta, attraverso tanti aneddoti, l’improvvisa conversione politica di esponenti di spicco della nobiltà e della borghesia palermitana dopo la “marcia su Roma” nel 1922. Prima, la maggior parte di essi erano liberali. Dopo la presa del potere di Mussolini, per opportunismo, essi diventarono quasi tutti fascisti.

[nggallery id=761]

SOTTO A CHI TOCCA – di Mario Oddo

 

Intervista al Sig, Salvatore Altieri Presidente della squadra di calcio 3^ Categoria “Città di Cinisi”

Seconda giornata del campionato di 3° categoria all’ASD Ustica, uscita a testa alta dalla trasferta di Belmonte Mezzagno, tocca incontrare “in casa” la squadra del Città di Cinisi reduce da un sonante esordio (3-0) a spese del Pro Villabate e naturalmente ha tutte le intenzioni di ripetersi quindi diciamo che l’11 isolano … è avvisato. Come è tradizione di questa rubrica, alla vigilia dell’incontro abbiamo contattato il Presidente della Società che in base al calendario affronterà nella successiva partita la squadra usticese Sig. Salvatore Altieri che molto cortesemente ha accettato di rispondere ad alcune brevi domande.

Presidente, con quali obiettivi partecipare al campionato in corso ? ” è il primo anno che l’ACD Città di Cinisi disputa un campionato di categoria; l’obiettivo è sicuramente di divertirci e provare a fare buoni risultati”.

Da quale campionato siete reduci e con quali risultati ? ” la Società è “rinata” l’anno scorso dopo tanti anni di inattività; siamo ripartiti con la scuola calcio e il settore giovanile; questa stagione abbiamo deciso di disputare un campionato di categoria. La rosa è composta tutta da elementi locali la cui età media è di 25 anni. I nostri colori sociali sono il bianco-celeste e le nostre partite si disputano al Comunale di Cinisi.

Presidente, probabilmente è la prima volta che incontrate la squadra di Ustica ma … in trasferta a Palermo; a parte ogni altra considerazione in fondo vi dispiace perchè sarebbe stata una occasione per visitare l’Isola ?. ” Per uno come me che frequenta Ustica dai tempi della mitica discoteca “boschetto” e che ogni anno per la festa dell’Isola di fine Agosto è in prima fila quando ho appreso dell’esilio della squadra isolana mi è dispiaciuto ma questo aumenterà la mia voglia di ritornarci la prossima estate.

Sig. Altieri, per concludere, vuole inviare un messaggio di saluto ed amicizia alla Società isolana ? ” rivolgo i miei più sinceri auguri all’ASD Ustica i miei più sinceri auguri di buon campionato e sopratutto di buon divertimento che alla fine è l’unica cosa veramente che conta. Aggiungo: grazie mille e complimenti al Sito per questa bellissima iniziativa con la quale attraverso questa rubrica date in ateprima rispetto al fischio d’inizio degli incontri visibilità al nostro campionato.

Presidente Altieri, siamo noi a ringraziarla per la sua cortese disponibilità e cogliamo l’occasione per ricambiare gli auguri di buon campionato unitamente ad un cordiale “arrivederci ad Ustica” per ora magari solamente da turista ma per la prossima stagione calcistica anche con la sua squadra in veste di avversario sul campo oltre che di graditi ospiti.

Mario Oddo

 

Il Sindaco informa


Facoltà dichiarare città di nascita bambino

E’ in dirittura d’arrivo anche in Sicilia il recepimento della legge nazionale che dà facoltà di scelta ai genitori di stabilire, anche per lo stato civile , la città di nascita del loro bambino. In definitiva allorquando un neonato, figlio di usticesi, nascerà ad esempio a Palermo, i genitori potranno dichiarare quale città di nascita, se lo desiderano, Ustica. Ovviamente non potranno dichiarare in questo caso, per esempio, Roma o Torino.

” Da tempo i cittadini usticesi mi avevano segnalato il problema, in particolare il consigliere comunale Giovanni Palmisano. Ne avevo informato l’allora capogruppo, oggi Presidente del Senato, Sen Renato Schifani e la cosa andò avanti. Oggi sembra concludersi con il recepimento di legge in Sicilia.

Pensate che l’ultimo ” nato di Ustica ” credo sia stato nel 1990, figlio di Tranchina. Prima di lui qualche caso sporadico. Poi tutti nati(giustamente dal punto di vista sanitario) a Palermo. Continuando così tra qualche decennio non ci sarebbero più state persone nate ad Ustica. Non diverso il problema a Trapani, in quanto l’ospedale cittadino è sito nel territorio del comune di Erice. Pertanto non solo molti trapanesi sono pertanto in quel comune ma anche la natalità di molti isolani delle Egadi risulta sempre essere ad Erice: in montagna.

Con questa legge si rispetta l’identità delle piccole comunità, specie delle isole minori. Domani su ” Repubblica” un ampio servizio di Antonella Romano”

^^^^^^^^^^^^

COMMENTO:

Da Ustica Tania

piccola precisione…solo perchè si tratta del mio stesso anno di nascita!
l’ ultimo nato ad Ustica è stato Danilo Forestieri, anno 1991

 


Calcio: ASD Ustica – Città di Piana 1 – 2


asd_usticaAncora un’ amara sconfitta, in casa, per l’ASD Ustica. Una sconfitta maturata già nel primo tempo con gli ospiti in vantaggio per 1 a 0. Nel secondo tempo, dopo il momentaneo pareggio di Salvatore Tranchina, il Piana ripassa in vantaggio. La partita finisce 2 a 1 per gli ospiti. Nei minuti finali abbiamo avuto la possibilità di pareggiare ma Vincenzo Verdichizzi  si è fatto parare un calcio di rigore. Una sconfitta che brucia e, probabilmente, lascerà il segno… Non vi sono attenuanti! Buona la presenza degli spettatori .

[nggallery id=299]

^^^^^^^^^^^^^

da Palermo Giovanni Martucci

Forza Ragazzi ” AD MAIORA” — Nello sport come nella vita ogni uomo si prefigge di raggiungere traguardi sempre più ambiziosi. Tutto ciò,oltre che essere insito nella natura dell’uomo, è anche lecito se è fatto rispettando le regole. Guai se non fosse così, saremmo rimasti all’età della pietra.Il problema é quello di stabilire che tipo di traguardo si vuole raggiungere.Da usticese a usticesi,in qualità di tecnico vissuto e soprattutto da educatore,mi rivolgo alla gioventù ed,in particolar modo, ai giovanni che fanno parte della neo-squadra dell’ASD Ustica calcio. Con grande ammirazione, sin dall’inizio, ho constatato l’entusiasmo e lo spirito di organizzazione con cui avete messo sù la società, ai componenti della quale vada il mio più sincero ed affettuoso compiacimento.Digià,il fatto di essere riusciti,con la concordia di tutti, ad organizzare,in una piccola comunità come quella della nostra isola, una squadra di calcio, é il primo dei tanti valori morali che lo sport ci spinge a raggiungere. Anche se fino adesso i risultati non sono stati soddisfacenti non ci si deve demolarizzare né, tanto meno, demordere.Bisogna andare avanti,credere su quello che si fa,accettare sportivamente gli attuali risultati,allenarsi,lavoro permettendo,con costanza ed assiduità,per migliorare la condizione, affinare il gesto tecnico ed aspettare che sicuramente giungano tempi migliori.Da tutti viene decantata positivamente l’importanza della pratica sportiva che,oltre a migliorare le qualità fisiche e fisiologiche ci aiuta ad affinare,in special modo, quelle morali quali socializzazione,rispetto per gli altri e quindi anche per gli avversari,spirito di corpo, di sacrificio,di sopportazione, di giusta rassegnazione,di corretta reazione ecc.Il sottoscritto da atleta prima e da tecnico federale poi,ha praticato ed ha fatto praticare attività sportiva, nel caso specifico nuoto e pallanuoto e,sono sicuro di non esagerare, a migliaia di giovani di qualunque età,ispirandosi alla famosa frase del Decouberten “L’importante non é tanto vincere quanto partecipare.” E’chiaro che se si riesce a vincere é meglio. Sempre però,rispettando le regole.E’ anche chiaro che non tutti possiamo diventare grandi campioni,ma possiamo essere aiutati dallo sport a diventare “Cittadini campioni”. Questa vuole essere una esortazione ai giovani che concludo con una frase coniata dal sottoscritto, frutto di grande e lunga esperienza e di comprovati risultati evidenziati dagli stessi giovani. “SE NEL PRATICARE SPORT,SIAMO RIUSCITI AD ASSUMERNE I CONTENUTI TECNICI E SOPRATTUTTO QUELLI MORALI, ALLORA ABBIAMO VINTO L’OLIMPIADE DELLA NOSTRA VITA”. Auguri e FORZA RAGAZZI !!!

G. M.

Calcio: ASD Ustica – Città di Piana 1 – 2


asd_usticaAncora un’ amara sconfitta, in casa, per l’ASD Ustica. Una sconfitta maturata già nel primo tempo con gli ospiti in vantaggio per 1 a 0. Nel secondo tempo, dopo il momentaneo pareggio di Salvatore Tranchina, il Piana ripassa in vantaggio. La partita finisce 2 a 1 per gli ospiti. Nei minuti finali abbiamo avuto la possibilità di pareggiare ma Vincenzo Verdichizzi  si è fatto parare un calcio di rigore. Una sconfitta che brucia e, probabilmente, lascerà il segno… Non vi sono attenuanti! Buona la presenza degli spettatori .

[nggallery id=299]

^^^^^^^^^^^^^

da Palermo Giovanni Martucci

Forza Ragazzi ” AD MAIORA” — Nello sport come nella vita ogni uomo si prefigge di raggiungere traguardi sempre più ambiziosi. Tutto ciò,oltre che essere insito nella natura dell’uomo, è anche lecito se è fatto rispettando le regole. Guai se non fosse così, saremmo rimasti all’età della pietra.Il problema é quello di stabilire che tipo di traguardo si vuole raggiungere.Da usticese a usticesi,in qualità di tecnico vissuto e soprattutto da educatore,mi rivolgo alla gioventù ed,in particolar modo, ai giovanni che fanno parte della neo-squadra dell’ASD Ustica calcio. Con grande ammirazione, sin dall’inizio, ho constatato l’entusiasmo e lo spirito di organizzazione con cui avete messo sù la società, ai componenti della quale vada il mio più sincero ed affettuoso compiacimento.Digià,il fatto di essere riusciti,con la concordia di tutti, ad organizzare,in una piccola comunità come quella della nostra isola, una squadra di calcio, é il primo dei tanti valori morali che lo sport ci spinge a raggiungere. Anche se fino adesso i risultati non sono stati soddisfacenti non ci si deve demolarizzare né, tanto meno, demordere.Bisogna andare avanti,credere su quello che si fa,accettare sportivamente gli attuali risultati,allenarsi,lavoro permettendo,con costanza ed assiduità,per migliorare la condizione, affinare il gesto tecnico ed aspettare che sicuramente giungano tempi migliori.Da tutti viene decantata positivamente l’importanza della pratica sportiva che,oltre a migliorare le qualità fisiche e fisiologiche ci aiuta ad affinare,in special modo, quelle morali quali socializzazione,rispetto per gli altri e quindi anche per gli avversari,spirito di corpo, di sacrificio,di sopportazione, di giusta rassegnazione,di corretta reazione ecc.Il sottoscritto da atleta prima e da tecnico federale poi,ha praticato ed ha fatto praticare attività sportiva, nel caso specifico nuoto e pallanuoto e,sono sicuro di non esagerare, a migliaia di giovani di qualunque età,ispirandosi alla famosa frase del Decouberten “L’importante non é tanto vincere quanto partecipare.” E’chiaro che se si riesce a vincere é meglio. Sempre però,rispettando le regole.E’ anche chiaro che non tutti possiamo diventare grandi campioni,ma possiamo essere aiutati dallo sport a diventare “Cittadini campioni”. Questa vuole essere una esortazione ai giovani che concludo con una frase coniata dal sottoscritto, frutto di grande e lunga esperienza e di comprovati risultati evidenziati dagli stessi giovani. “SE NEL PRATICARE SPORT,SIAMO RIUSCITI AD ASSUMERNE I CONTENUTI TECNICI E SOPRATTUTTO QUELLI MORALI, ALLORA ABBIAMO VINTO L’OLIMPIADE DELLA NOSTRA VITA”. Auguri e FORZA RAGAZZI !!!

G. M.