Ustica sape

TARIFFE PER RESIDENTI E NO UN REBUS IRRISOLVIBILE – IL SILENZIO INTERESSATO DI LIBERTY LINES (EX USTICA LINES)


 Mi sono interessato qualche anno fa della questione trattandola in modo oggettivo, giungendo al risultato che la posizione della Società riguardo la possibile retromarcia sul trattamento riservato ai nativi Usticesi e di tutte le altre isole equiparandoli ai residenti, non si sposterà di una virgola! Oggi vi ritorno per fare un tentativo concreto di motivare lo scetticismo di allora e quello di oggi. Ustica Lines (così si chiamava la prima compagnia) nasce nel dicembre ’93 per iniziativa di Vittorio Morace con lo scopo di unire le isole con mezzi veloci: aliscafi, monocarena, catamarani. Se ben ricordo sono dovuti trascorrere 25 anni dalla sua fondazione prima che la Società concedesse l’equipollenza tra residenti e nativi riguardo il prezzo del biglietto. Molto merito in questa decisione occorre riconoscerlo al titolare di questo blog che, con la sua insistenza, ha sfinito il compianto “Comandante” Vittorio Morace fino a fargli accettare il compromesso. Purtroppo la pacchia è durata poco: infatti con la scomparsa prematura di Vittorio Morace Ustica Lynes ha cambiato nome e la dirigenza ne ha subito approfittato per togliere il bonus; concedendo, bontà sua, che le tessere in essere arrivassero alla loro naturale scadenza. La dirigenza della Compagnia insensibile ad ogni sollecito proveniente dagli ex beneficiari ha semplicemente fatto un calcolo economico, stimando inaccettabile che la prosecuzione del beneficio avrebbe rappresentato un minor ricavo intorno al milione di euro. Il Comandante Morace aveva invece dimostrato di essere un fine imprenditore quando aveva ritenuto che tutto sommato era un’operazione di marketing che all’occorrenza avrebbe giovato alla Compagnia. E in tutta evidenza così è stato anche se nel frattempo a questa visione, chiamiamola così, utilitaristica, ne è subentrata un’altra di carattere strategico: si è verificato di fatto già da qualche anno, ciò che in economia si chiama “cartello” ovvero sfere di influenza. E’ noto che il cartello tra aziende prevede una spartizione del mercato per cui ognuna si appropria di un settore specialistico senza che le altre, per accordo esplicito, interferiscano. In una situazione così delineata e strutturata qualsiasi richiesta di qualsiasi genere (ad esempio il ripristino della tessera nativi) che provenga dai settori interessati è, per oggettiva realtà ignorata ben sapendo che niente e nessuno potrà mai interferire con questo comportamento. Rammento che l’ultimo bando promosso da Regione Sicilia, rivolto a ben 31 compagnie, è andato deserto! Concludo avvisando coloro che ancora volessero spendere parte del loro tempo per intervenire sull’argomento  di non farlo, perché tanto la decisione prima commentata, è irrevocabile. Fra quattro anni, allo scadere del bando in corso, occorrerà sensibilizzare i vertici di Regione Sicilia i quali, purtroppo nel frattempo, hanno preso in considerazione solo alcune categorie di utenti e per alcune addirittura hanno stabilito la gratuità del passaggio. La GNV grandi navi veloci che tra le sue linee più importanti gestisce il collegamento tra Genova  Palermo e viceversa, applica tranquillamente lo sconto del 30% sul prezzo del biglietto con l’unica formalità di esibizione della CI per il controllo  della località di nascita. Un’ultima notazione: la flotta della Liberty possiede, tra l’altro, 19 aliscafi con velocità massime che vanno da 31 a 38 nodi. Di questi solo 3 hanno una velocità massima di 31 nodi che sono: Fiammetta, Mantegna e, dulcis in fundo,  Zibibbo. La maggioranza è di 35 nodi con punte di 36 ed anche di 38 i più recenti. Se in ipotesi se ne utilizzasse uno con velocità di 35 nodi potrebbe coprire il percorso Palermo/Ustica in 70′ anziché in 90′. Giova ricordare che i natanti non raggiungono mai la velocità massima per convenienza: minore velocità significa meno consumo di carburante e meno usura delle parti in movimento del motore. Infatti la velocità di crociera dello Zibibbo è di 24 nodi. Ciò significa che 24+12 fanno 36 distanza marittima dal porto di Palermo coperta, come si diceva, in 90′. Negli ultimi tempi sono stati segnalati episodi di penetrazione in cabina di fumi di scarico notoriamente assai nocivi, nonché di acqua piovana: lo Zibibbo è del 1991 e, per ora, taccio sulla “motonave Sibilla” che per coprire 36 miglia ci impiega circa tre ore! Alla fine degli anni ’70 gli usticesi sono stati encomiabili nel rivendicare nuovi mezzi moderni e veloci. E’ fermamente auspicabile che ciò avvenga anche oggi con manifestazioni pacifiche alle quali, è bene sottolinearlo, non può parteciparvi il Sindaco che è Ufficiale di Governo. Ad maiora.

Giuseppe Giuffria

 

2 risposte

  1. Forse l’unica sarebbe una proiezione economica, paragonando i flussi garantiti dalle mai troppo rimpiante Liberty Cards con il numero dei biglietti per non residenti che vengono venduti oggidì. Ad occhio, sono certa che si scoprirebbe una bella differenza numerica, probabilmente tale da rendere economicamente più fruttuose le cards, magari anche aumentate di un poco. Qualche economista che si presti alla bisogna?

  2. Buongiorno Signora Messina sono un ex economista essendomi ritirato dalla professione di commercialista e consulente del lavoro tre anni orsono.
    Questo è un calcolo molto semplice che non abbisogna di alcun algoritmo. Ho ipotizzato, per difetto, 6 corse pro capite annuali per un valore di 15,00 euro di differenza ognuna e l’ho moltiplicato per il numero delle tessere rilasciate pari ad 11.000 dato della Liberty; il risultato di questa operazione è di 990.000 euro.
    I valori sono riferiti a quando le tariffe erano rispettivamente di circa 10,00 euro per i residenti e di circa 25,00 euro per i non residenti. Tuttavia 6 corse pro capite mi sembrano poche per cui il calcolo va rifatto su 10 corse pro capite annuali ed il risultato raggiunge il 1.650.000,00 euro. Se invece per maggiore adesione alla realtà di oggi quando il prezzo dei biglietti è lievitato sino a circa 30,00 euro per i non residenti, ecco che il dato comincia ad essere importante. Facciamolo: 20x10x11000=2.200.000,00 euro. Dove 20 è la differenza con i residenti, 10 le corse annuali (stimate per andata e ritorno) e 11.000 sono le tessere rilasciate dalla Compagnia. Questo numero dovrebbe riferirsi a tutti gli abitanti delle 14 isole della Sicilia. Spero di averla convinta in caso contrario mi confronterò con lei discutendo anche di meccanica quantistica nelle prossime vacanze. La informo di averla conosciuta alla fine del convegno tenutosi ad Ustica nella sala accoglienza della riserva marina nel giugno del 2022 durante il quale una docente dell’Ateneo di Palermo ha fatto un’affermazione sconcertante: ha detto “che il sarago di Ustica non è autoctono bensì importato!”.
    Un’autentica castroneria della quale ho discusso poco dopo con l’unico usticese presente al convegno assai meravigliato quanto il sottoscritto. Sono stato un accanito pescatore subacqueo rigorosamente in apnea,dall’età di 14 anni e le assicuro che il pesce per pranzo e cena me lo procuravo. Di ciò mi è testimone la moglie di Ninì Caserta che ogni sera al ritorno aveva imparato a controllarmi il pescato.
    Mi riferisco al Ninì Caserta che ha villa propria sopra la “punticeddra”.
    Giuseppe Giuffria
    PS come può notare il secondo calcolo comincia a fornire un risultato importante a scapito della Compagnia, quindi l’unica via da seguire, a mio parere, è quella istituzionale: far intervenire i vertici di Regione Sicilia – Presidente ed Assessore ai trasporti – quantomeno per alleviare e di molto il costo considerato. Non vorrei attirarmi strali dagli interessati ma forse in via definitiva si potrebbe ipotizzare la completa equiparazione dei nativi ai residenti ed accordare uno sconto del 50% del biglietto intero ai possessori delle ville in Ustica.

Rispondi con il tuo Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  • CONTATTAMI


  • WEBCAM - USTICA PORTO

  • WEBCAM SPALMATORE


  • WEBCAM USTICA PORTO


  • WEBCAM USTICA PORTO


  • WEBCAM PORTO PALERMO


  • VENTI


  • VENTI


  • NAVI


  • Privacy

    Licenza Creative Commons
    Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported. DMCA.com
  • TRADUTTORE

  • COME RAGGIUNGERE USTICA

  • Il Libro per tutti i genitori!

  • Hanno detto sul blog

  • Marzo 2024
    L M M G V S D
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728293031
  • ASD Ustica

    ASD Ustica